Parte costruzione cavo sottomarino più lungo al mondo: da Genova circumnavigherà l'Africa

Parte costruzione cavo sottomarino più lungo al mondo: da Genova circumnavigherà l'Africa
di

La connessione a Internet è ormai un must per chiunque nel mondo, eppure l’accessibilità non è assicurata a tutti: se da una parte abbiamo la sempre più rapida connessione satellitare di Starlink, dall’altra assistiamo all’avvio della costruzione del cavo sottomarino più lungo al mondo che partirà da Genova e farà il giro dell’Africa.

Il progetto in questione vede coinvolte una moltitudine di aziende: China Mobile International, Facebook (Meta), Orange, Telecom Egypt e Vodafone sono solo alcune delle realtà che si sono proposte in questa partnership per realizzare 2Africa, il cavo sottomarino dalla lunghezza pari a circa 38.000 chilometri e che approderà in 21 punti tra 16 nazioni africane e non solo.

L’ambizioso progetto lanciato oggi dal litorale di Sturla vedrà inizialmente il collegamento di due cavi a partire da Genova, per poi arrivare fino in Africa e Asia mettendo in connessione circa 3,2 miliardi di persone. Dopodiché, il cavo circumnavigherà il continente africano, collegando direttamente 16 Paesi all’Europa e al Medio Oriente. Il tutto verrà quindi attivato nel 2023-2024 offrendo una capacità di ben 180 Tbps.

Come dichiarato dal sindaco di Genova Marco Bucci, “Siamo molto orgogliosi di essere la città che ospita il nuovo hub di attracco per cavi sottomarini GN1. Da sempre Genova è nota per il suo ruolo centrale nel commercio marittimo, per molti secoli. Ora, grazie a GN1, saremo uno dei principali porti digitali d’Europa, con un ruolo chiave nel trasferimento dei dati a livello globale. In un futuro, neanche troppo remoto, merci, persone e cultura viaggeranno insieme alla digitalizzazione. Grazie a chi ha reso possibile tutto questo”.

Nel marzo 2022, invece, Google ha completato il cavo sottomarino Equiano in Togo.

Quanto è interessante?
5
Parte costruzione cavo sottomarino più lungo al mondo: da Genova circumnavigherà l'Africa