Cresce il traffico internet in Italia: colpa di Netflix e DAZN. Più presente la fibra

Cresce il traffico internet in Italia: colpa di Netflix e DAZN. Più presente la fibra
di

TIM ha diffuso il rapporto annuale sullo stato della connettività in Italia. Nel documento di oltre 200 pagine sono presenti dei dati interessanti sull'uso che fanno i nostri connazionali della rete, il cui consumo è aumentato nel periodo analizzato rispetto al precedente.

L'operatore telefonico infatti ha registrato un aumento del traffico internet in tutto il Bel Paese, per "colpa" delle piattaforme di streaming come Netflix e DAZN. Il primo si è ormai diventato un punto di riferimento per la visione di serie tv e film, grazie alle produzioni originali come Stranger Things che sono diventate fenomeni pop anche in Italia; DAZN, dal suo canto è entrato prepotentemente nelle case degli sportivi in quanto lo scorso anno ha acquisito il pacchetto per la Serie A che garantisce la trasmissione di tre partite per ogni turno del campionato.

Il rapporto comunque conferma anche il digital divide dell'Italia, sentito soprattutto a livello di infrastrutture. Tale divisione va oltre la differenza nord/sud, e richiederà degli investimenti importanti per essere superata.

Il Centro Studi TIM sostiene anche che "ciò che accomuna tutte le diverse aree del Paese è una costante crescita dei volumi di traffico, dovuta ad un incremento del numero degli utenti ma anche e soprattutto ad un aumento dell'intensità dei consumi per singola linea. Oggi, infatti, ci confrontiamo con un volume di traffico dati medio pari a 105 gigabyte al mese, sette volte superiore a quello del 2011". Questo vuol dire che ogni anno, negli ultimi sette anni, TIM ha messo a disposizione di ogni singolo utente "un'ulteriore corsia con dimensioni pari a quella di cui disponeva nel 2011".

Come vi mostriamo nel grafico presente in calce, nel 2018 la provincia che ha registrato la quantità di traffico più elevata è stata Crotone, con 163,83 GB/mese, seguita da Napoli (148,60 GB/mese) e Caserta (145,17 GB/Mese).

La copertura di ADSL ha raggiunto il 99,4%, lo stesso dato del 2017, mentre cresce la copertura NGAN, che passa dal 77 all'80%, con l'incidenza dei comuni coperti da 4G + 4G Plus superiore al 98%. La totale delle sedi con disponibilità di apparati per l'accesso a banda larga è aumentata di 12 unità, dalle 11.462 del 2017 alle 11.488 del 2018. Le centrali predisposte per l'accesso in fibra sono passate però a 2.703.

Il numero delle linee a banda larga attive su rete TIM è cresciuto del 7,3%. La prima provincia con la maggiore percentuale di armadi FTTCAB sul totale è Bari, con una percentuale del 97,1% sul totale.

Quanto è interessante?
4
Cresce il traffico internet in Italia: colpa di Netflix e DAZN. Più presente la fibra