Criptovalute, lunedì nero per Bitcoin ed Ethereum: le possibili ragioni

Criptovalute, lunedì nero per Bitcoin ed Ethereum: le possibili ragioni
di

Come abbiamo avuto modo di riportare qualche ora fa, il Bitcoin ha registrato un tonfo importante, al punto che il prezzo è sceso al livello più basso da quello toccato lo scorso Maggio. Ad essere impattati sono però anche gli altri token del mercato, che in questo lunedì di gennaio riportano ancora una volta forti perdite.

Nel momento in cui stiamo scrivendo, il Bitcoin viene scambiato a 34.149,45 Dollari, il 4,68% in meno rispetto ad ieri mentre su base settimanale la perdita è del 20,31%. Ethereum invece cala a 2.304,23 Dollari, l'8,83% in meno se confrontato col prezzo di 24 ore fa, mentre negli ultimi sette giorni il crollo è del 29,65%, addirittura. in calo anche Cardano (-12,71%) e tutte le criptovalute del mercato.

Le ragioni come sempre non sono note, ma gli esperti sostengono che dietro questo crollo potrebbero esserci varie motivazioni. Innanzitutto, per molti un impatto importante potrebbe essere legato all'attacco hacker che ha colpito l'exchange Crypto, di cui abbiamo a lungo parlato su queste pagine e che ha interessato anche i wallet di alcuni clienti.

Tuttavia, nell'ultima settimana la Banca Centrale Russa ha proposto il divieto di utilizzo e mining di criptovalute sul territorio nazionale. La Banca ha affermato che la speculazione finanziaria è responsabile della rapida crescita delle criptovalute ed ha messo in guardia gli utenti da potenziale bolle che potrebbero mettere a rischio la stabilità ed il benessere dei cittadini. Solo successivamente, è stato chiarito che non verranno prese in considerazione restrizioni sul possesso di criptovalute, ma secondo molti l'annuncio potrebbe aver impattato i prezzi.

Quanto è interessante?
3
Criptovalute, lunedì nero per Bitcoin ed Ethereum: le possibili ragioni