La crisi climatica e ambientale è sempre meno evitabile, secondo report ONU

La crisi climatica e ambientale è sempre meno evitabile, secondo report ONU
INFORMAZIONI SCHEDA
di

La crisi climatica e ambientale è sempre più inevitabile, secondo un report delle Nazioni Unite. Gli ultimi dati raccolti dalla World Meteorological Organisation (WMO) hanno preoccupato scienziati e ricercatori, i quali hanno segnalato nell’ultimo Global Annual to Decadal Climate Update tutti gli elementi più allarmanti per il periodo 2020-2024.

In particolare, è stato evidenziato come gli obiettivi dell’Accordo di Parigi, negoziato da 196 stati in occasione della Conferenza delle Parti dell’UNFCCC del 2015, potrebbero non essere raggiunti. Secondo queste previsioni la temperatura media globale aumenterà di almeno 1°C nei prossimi cinque anni, e in almeno uno di essi potrebbe arrivare oltre 1.5°C per uno o più mesi. Se dovesse essere così, le probabilità di rientrare nei limiti posti dal suddetto accordo diminuirebbero notevolmente.

Ancora, è probabile che nel corso del 2020 l’Artico si sia riscaldato di oltre il doppio rispetto alla media globale. L’aumento delle temperature inoltre causerà più periodi di siccità in Australia, Sud America e Africa meridionale, e tempeste particolarmente violente in Europa. Queste ondate di piogge estreme e di calore sono già state confermate da altri dati raccolti a luglio.

Come hanno evidenziato diversi esperti tra cui il professore e Segretario Generale del WMO, Petteri Taalas, “questo studio mostra l’enorme sfida che ci troviamo di fronte, ovvero il rientrare negli obiettivi degli Accordi di Parigi. […] La WMO ha continuamente ripetuto che il rallentamento economico e industriale causato dal COVID-19 non è un sostituto per un’azione climatica coordinata e sostenuta”.

Taalas ha aggiunto infine che il lockdown ha causato un calo di emissioni per un certo periodo di tempo, ma non è minimamente sufficiente per causare una riduzione della concentrazione di CO2 nell’atmosfera: il problema attuale del coronavirus non dovrà dunque far calare la nostra attenzione nei confronti della crisi climatica che potrebbe impattare le generazioni future e la vita sulla Terra e del pianeta stesso.

FONTE: IFLScience
Quanto è interessante?
3