La crisi in Iran fa volare il Bitcoin: il prezzo supera gli 8.000 Dollari

La crisi in Iran fa volare il Bitcoin: il prezzo supera gli 8.000 Dollari
di

E' ancora presto per parlare di nuovo boom del Bitcoin, come affermato da vari analisti, ma nelle ultime ore il valore della criptovaluta è tornato ad aumentare in maniera importante, complice anche la questione in Iran ed il conflitto in corso con gli Stati Uniti.

Nella giornata di oggi infatti la moneta virtuale più famosa del web ha superato gli 8.000 Dollari, il valore più alto da Novembre. Nel momento in cui stiamo scrivendo il Bitcoin viene scambiato ad 8.332,59 Dollari, in aumento del 5,82%: la capitalizzazione ha superato i 151,226 miliardi di Dollari.

Come accaduto già in passato, però, il Bitcoin sta trainando tutto il mercato delle criptovalute verso l'alto. Ethereum è infatti a 142.45 Dollari, in crescita dello 0,60%, XRIP è a 0,213077 Dollari (+0,97%) e Litecoin guadagna 3,19 punti percentuali a 46,92 Dollari. L'unica criptovaluta in perdita è Tether, che lascia comunque lo 0,12% ed è a 1 Dollaro di valore.

Le motivazioni per cui il Bitcoin potrebbe registrare un nuovo periodo di crescita sono state spiegate da vari analisti, secondo cui gli investitori potrebbero considerarlo un bene rifugio al pari dell'oro a causa delle tensioni geopolitiche internazionali. Una teoria che però è stata smentita da molti e che ha diviso il web.

Quanto è interessante?
2