Dario Franceschini: Netflix ed Amazon Prime dovranno dare visibilità ai film italiani

di
Il Ministro per i Beni Culturali, Dario Franceschini, parlando con La Stampa, ha preannunciato le intenzioni del Governo di far rispettare anche ai servizi di streaming gli obblighi relativi alle quote di opere italiane nei cataloghi.

L'esponente della maggioranza ha affermato che "anche Netflix o altre piattaforme come Amazon Prime avranno gli stessi obblighi, compatibilmente a una programmazione senza fasce orarie. Netflix avrà quote di programmazione e obblighi d'investimento come la TV tradizionale".

Una misura del genere era già nell'aria da tempo, ma sulle tempistiche è stato molto vago, lasciando intendere che si tratta di una misura a lungo tempo. Proprio per tale ragione, spiega, il Governo ha "creato una moratoria per il 2018. Così avranno il tempo di produrre film che possono reggere il prime time".

Franceschini ha anche affermato che l'esecutivo starebbe anche "lavorando su diverse ipotesi per costringere anche tutte le piattaforme online a valorizzare prodotti italiani, su home page, menu, banner. Sono rimasto allibito nel leggere che avremmo danneggiato la raccolta pubblicitaria o anche che cinema e fiction italiani non sono in grado di reggere la concorrenza. Il tax credit al cinema e l’ obbligo di trasmissione e di investimento servono appunto a migliorare la qualità".

Da parte di Netflix ed Amazon, però, almeno al momento non è arrivato alcun commento a riguardo.