Dark Web, maxi operazione dell'Europol: in Italia chiusi DeepSea e Berlusconi Dark Web

Dark Web, maxi operazione dell'Europol: in Italia chiusi DeepSea e Berlusconi Dark Web
di

Maxi operazione delle autorità a livello mondiale contro il commercio illegale sul dark web. Secondo quanto riportato da La Stampa, la Polizia ha completato un maxi blitz che ha portato all'arresto di 150 persone in vari paesi, tra cui l'Italia.

L'Europol l'ha soprannominato "Dark HunTOR" ed ha interessato Australia, Bulgaria, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Svizzera, Regno Unito e Stati Uniti.

Complessivamente, sono stati recuperati 26,7 milioni di Euro in contanti e Bitcoin, insieme a 234 chilogrammi di droga ed armi. In Italia sono state arrestate quattro persone, e proprio il nostro paese risulta essere il più colpito dal commercio illegale di dati e credenziali in Europa, come affermato dall'amministratore di Swscan Pierguido Lezzi.

L'operazione segue la chiusura di DarkMarket dello scorso gennaio ed è culminata, in Italia, con la chiusura di due importanti marketplace: DeepSea e Berlusconi Dark Web. Complessivamente, i due negozi vantavano oltre 100mila prodotti illegali in vendita. I quattro amministratori sono stati arrestati e le autorità italiane hanno sequestrato 5,5 milioni di Dollari in criptovalute.

Jean-Philippe Lecouffe dell'Europol ha affermato che questa operazione ha inferto un grave colpo ai criminali che agivano sul dark web.

Swascan, nello stesso rapporto citato da La Stampa, osserva anche che l'Italia è il "bersaglio principe dei traffici di dati e credenziali rubate, oltre ad essere sempre più colpita da Cyber attacchi".

Di recente, Kaspersky ha cercato di quantificare quanto valgono i nostri dati personali sul Dark Web.

FONTE: La Stampa
Quanto è interessante?
6