Descrivi il Metaverso che vuoi e l'IA lo creerà: l'idea dietro al bot di Meta

Descrivi il Metaverso che vuoi e l'IA lo creerà: l'idea dietro al bot di Meta
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Sono passati ormai diversi mesi dall'iconico annuncio del Metaverso da parte di Zuckerberg e chiaramente Meta (ex Facebook) sta continuando a effettuare reveal in merito, basandosi sulle tecnologie che secondo l'azienda saranno fondamentali per andare in quella direzione. In questo contesto, è stata mostrata un'IA intrigante.

In particolare, stando anche a quanto riportato da Engadget e The Verge, nonché come ufficializzato dalla stessa Meta in un evento ufficiale su Facebook, Zuckerberg e soci hanno intenzione di sviluppare un sistema che consentirà agli utenti di usare la voce per far comparire gli elementi virtuali che vogliono. L'idea è attualmente allo studio da parte dei ricercatori in ambito di intelligenza artificiale della società.

In ogni caso, è già stato dato un nome al tutto: Builder Bot. Il CEO di Meta in persona ha specificato che sarà possibile "descrivere mondi" e far generare "aspetti di questi ultimi" direttamente dall'IA. Nel corso dell'evento, è stato mostrato un video in cui viene ricreata una spiaggia. A quest'ultima sono poi stati aggiunti vari elementi, anche in termini di audio.

Per il resto, va specificato che per il momento siamo agli inizi. Infatti, Builder Bot è nelle fasi preliminari del suo sviluppo e il reveal di Meta sembra più che altro l'annuncio di ciò che la società sta cercando di creare per il Metaverso, che rientra in un più ampio progetto chiamato Project CAIRaoke.

Tra l'altro, stando anche a quanto si può leggere in un altro articolo di Engadget, nel corso dello stesso evento è stata annunciata la volontà di Meta di realizzare un traduttore universale di lingue. Dove ci porterà la nuova visione di Zuckerberg e soci? Non possiamo che restare a vedere: solamente il tempo risponderà a tutte le domande del caso.

Quanto è interessante?
3
Descrivi il Metaverso che vuoi e l'IA lo creerà: l'idea dietro al bot di Meta