Nel deserto del Mojave vive uno degli organismi più antichi del mondo

Nel deserto del Mojave vive uno degli organismi più antichi del mondo
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Quando pensiamo alle specie molto longeve, spesso pensiamo agli elefanti o alle tartarughe. Solo gli appassionati di zoologia penseranno allo squalo della Groenlandia o ad alcune meduse, capace di sopravvivere per centinaia e centinaia di anni.

Eppure, non sono queste gli organismi più longevi presenti sul nostro pianeta. Per individuarli dobbiamo dimenticare gran parte delle informazioni che abbiamo appreso sul concetto stesso della vita e avere una mente molto aperta, che ci permetta di esplorare i meandri più strani del possibile.

Uno degli organismi più anziani presenti oggi sulla Terra si trova all'interno del deserto del Mojave, in California. Probabilmente potreste non notarlo senza l'indicazione di un esperto o girare a lungo per tutta la vostra vita, senza rendervi conto dove si nasconda.

La verità brutale è che la vostra mente probabilmente non si aspetta di trovare un essere vivente di 11.700 anni, calpestando qualche arbusto di Larrea tridentata, eppure eccolo là. King Clone. Il cespuglio più antico presente sul pianeta.

Dall'aspetto arido e malmesso, questo esemplare è composto da una colonia clonale, ovvero da diversi fusti che presentano lo stesso DNA e che condividono lo stesso gruppo di radici.

L'anello di cloni che costituisce King Clone è di 22 x 8 metri e si è perfettamente adattato non solo al clima secco, ma anche alla possibilità di essere predato dalle poche specie erbivore presenti in pieno deserto, oltre che alla morte della pianta originale.

Per datare l'età di questo organismo, gli scienziati da una parte hanno contato gli anelli interni, che permettono di determinare l'accrescimento annuale, ma hanno usato anche il metodo del radiocarbonio, così da essere sicuri nell'indicare l'età della sua origine.

Sfortunatamente per King Clone, il cambiamento climatico sta minacciando la sua specie ed un altro organismo recentemente gli ha strappato lo scettro di vivente più antico del mondo: Pando, una colonia di pioppo tremulo americano, che ha 80.000 anni.

Noi umani e gli animali in generale non possiamo competere, almeno finché non trasmigreremo le nostre coscienze all'interno dei robot. Tuttavia, compiuto questo fenomenale passo verso l'immortalità, potremo più definirci essere viventi? Di certo già nel prossimo futuro c'è la possibilità che le IA diventino sociopatiche. Uno scenario inquietante che potrebbe realizzarsi presto secondo un recente studio.

Questo testo include collegamenti di affiliazione: se effettui un acquisto o un ordine attraverso questi collegamenti, il nostro sito potrebbe ricevere una commissione in linea con la nostra pagina etica. Le tariffe potrebbero variare dopo la pubblicazione dell'articolo.

Iscriviti a Google News Rimani aggiornato seguendoci su Google News! Seguici
Unisciti all'orda: la chat telegramper parlare di videogiochi