Anche nel deserto del Sahara nevica: alla scoperta di un fenomeno rarissimo

Anche nel deserto del Sahara nevica: alla scoperta di un fenomeno rarissimo
di

Anche nei deserti, i luoghi più aridi e caldi del nostro pianeta, può nevicare. La neve, ad esempio, è stata registrata più volte nel deserto del Sahara negli ultimi decenni e l'ultima proprio nel gennaio 2022. Tuttavia, affinché si formi la neve, sono necessarie due proprietà climatiche distintive: aria umida e freddo.

Di notte il deserto può raggiungere anche basse temperature; un freddo massimo di -14 °C è stato registrato in Algeria nel gennaio 2005. I modelli di circolazione dell'aria invernale attirano aria fresca e umida verso il Sahara settentrionale dall'Atlantico e dal Mediterraneo.

L'aria umida arriva nella regione dall'Oceano Atlantico, dal Mar Mediterraneo e dall'Oceano Indiano, dai cicloni di bassa pressione nel Sahara settentrionale durante l'inverno e dalle piogge monsoniche nel Sahara meridionale durante l'estate. Le periferie del deserto sono ovviamente più umide del suo centro - grazie anche ai corpi idrici presenti su tre dei suoi quattro lati. Ciò significa che è più probabile che si formi neve alla periferia del deserto.

In particolare, le montagne dell'Atlante sono perfette per attirare la neve. La città algerina di Aïn Séfra ha ricevuto neve negli inverni dell'emisfero settentrionale del 1979, 2016, 2017, 2018, 2021 e 2022. L'ultimo evento (quello del 2022) ha dato solo una "leggera" spolverata alle dune, mentre l'evento del 2018 ha fatto cadere fino a 30 centimetri di neve.

Purtroppo, non sappiamo se la zona stia subendo l'influenza del cambiamento climatico, poiché ci sono pochissime prove a nostra disposizione prima che le registrazioni satellitari diventassero disponibili negli anni '70.

A proposito, sapete che per le Olimpiadi invernali si utilizzerà per la prima volta neve artificiale?

FONTE: iflscience
Quanto è interessante?
2