di

Il telescopio spaziale Webb (JWST) è quasi giunto alla sua destinazione finale, a più di 1.5 milioni di chilometri dalla Terra. A causa di questa distanza sarà impossibile effettuare missioni di servizio e riparazione. come si potrà gestire il rischio dell'impatto con detriti spaziali?. Scopriamolo.

Lo scorso mese il James Webb Space Telescope ha finalmente preso il volo, diretto verso la sua nuova casa nello spazio profondo: il punto di Lagrange Sole-Terra L2. Questo punto remoto, situato ben oltre l'orbita lunare, darà un'enorme vantaggio nelle future osservazioni cosmologiche del JWST, dal momento che sarà distante da moltissimi elementi di disturbo e di interferenza.

In molti però si sono posti una domanda lecita: "è possibile che il telescopio Webb venga colpito da detriti spaziali?" Cosa potrebbe fare le agenzie spaziali coinvolte nella missione se una situazione del genere dovesse verificarsi? A rispondere è stata propria la NASA che ha cercato di dipanare i dubbi, ma anche confermato che la domanda non è così banale come si possa pensare.

Il team incaricato di gestire il JWST ha affermato chiaramente, che è altamente probabile che il telescopio venga colpito da detriti, prima o poi. "Alcuni piccoli impatti da micrometeoriti accadranno", ha detto la scienziata del Goddard Space Flight Center della NASA Michelle Thaller. "È probabile che nel corso della missione ci saranno dei danni agli specchi del telescopio".

Lo strumento sarà piuttosto vulnerabile a possibili danni da impatto, ma è anche vero che la squadra di ingegneri ha pensato a diversi sistemi di protezione e prevenzione per limitare gli eventuali problemi. Non a caso, il parasole e scudo termico è composto da una moltitudine di livelli e strati non solo per essere più efficace nella dissipazione del calore, ma anche per fornire una sorta di protezione aggiuntiva qualora piccole meteore lacerassero o forassero il JWST.

Insomma, la NASA è consapevole dei rischi, ma fa tutto parte del gioco. C'è fortunatamente anche una buona notizia: il punto L2, a differenza dell'orbita bassa in cui ruota il telescopio Hubble, è particolarmente priva di detriti e frammenti meteorici, quindi - nonostante la grande distanza - il telescopio Webb potrebbe passare la sua intera vita in modo indisturbato, senza fare incontri spiacevoli.

Noi speriamo che tutto fili lisci e che nessuno di questi timori si concretizzi. Qualora foste ancora incuriositi dall'argomento, scoprite perché il costo esorbitante del JWST non è stato uno spreco.

FONTE: Futurism
Quanto è interessante?
2