Diritti tv Serie A: DAZN ad un passo dal colpaccio, a Sky tre partite su dieci?

Diritti tv Serie A: DAZN ad un passo dal colpaccio, a Sky tre partite su dieci?
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Come ampiamente previsto dal presidente del Torino, Urbano Cairo, nel corso della riunione tenuta nella giornata di ieri a Milano non è stata presa alcuna decisione sull'assegnazione dei diritti TV della Serie A per il prossimo triennio. Non si è infatti votato, ma a giudicare da quanto emerso il pacchetto corre sempre più verso DAZN.

Nell'hotel milanese in cui si è tenuta la riunione hanno preso parte, oltre che i presidenti delle 20 squadre di Serie A (sempre più spaccate e divise), i massimi dirigenti di Sky e DAZN, che hanno illustrato le loro proposte.

Fonti vicine alla piattaforma OTT hanno lasciato trapelare tutto il loro ottimismo, e si sono detti "soddisfatti delle conversazioni avute con la Lega di Serie A e dei feedback ricevuti dai club che permetterebbe alla Lega di Serie A di guardare ad un futuro di crescita e di sviluppo in linea con le potenzialità del mercato".

Non è infatti arrivato il rilancio di Sky, che quindi resta ancora indietro con la propria proposta. La decisione definitiva potrebbe arrivare la settimana prossima, ma da quanto trapelato è sempre più probabile che nei prossimi tre anni gli appassionati guarderanno 7 partite su 10 a turno di Serie A su DAZN, e la restante parte su Sky.

La discussione però si sta svolgendo parallelamente a quella sui fondi: dieci squadre (tra cui figura la Roma) infatti continuano a tenere aperta tale porta, ma il tutto è di difficile realizzazione visto che a favore dell'offerta di DAZN si sono schierate tutte le big, tra cui Juventus, Milan, Inter, Napoli, Fiorentina, Atalanta, Lazio, Cagliari e Udinese che già ieri avrebbero voluto votare.

Il presidente del Torino ed RCS, Urbano Cairo, all'uscita dall'assemblea ha affermato che "è andata bene, Dazn e Sky hanno presentato le offerte e ora dobbiamo ragionarci ma contemporaneamente dobbiamo ragionare sul tema dei fondi, che sta a cuore a molte società. Sono due temi aperti, che non necessariamente sono collegati, vanno affrontati tutti e due".

Per gli utenti, resta da capire che tipo di approccio adotterà DAZN. E' praticamente certo l'aumento dell'abbonamento, sia per rientrare nei costi che per non svalutare il calcio italiano, e quest'ultima richiesta potrebbe arrivare direttamente dalla Lega.

Quanto è interessante?
2