La Disney userà un'IA per eliminare le discriminazioni di genere dai suoi film

La Disney userà un'IA per eliminare le discriminazioni di genere dai suoi film
di

La Disney inizierà ad usare GD-IQ, una intelligenza artificiale che legge i copioni a caccia di discriminazioni contro le donne e le minoranze. Ci sono troppi pochi personaggi LGBT? Una battuta rischia di essere sessista? GD-IQ se ne accorge e segnala il problema. La stessa IA viene usata dalla University of Southern California.

GD-IQ è sostenuto e promosso dall'attrice Geena Davis, attraverso il suo Geena Davis Institute on Gender. Disney è una delle prime aziende ad aver sostenuto l'iniziativa, decidendo di usare il tool per evitare che i suoi film, anche quelli di animazione, possano includere scene o battute offensive nei confronti delle minoranze.

GD-IQ setaccia la sceneggiatura dei film inquadrando chi sono i personaggi, cosa dicono e cosa fanno. Quando gli algoritmi si trovano davanti ad una situazione che viene interpretata come potenzialmente offensiva, viene notificato il problema.

Un'altra funzione è quella di calcolare quanti personaggi appartengono ad un genere, e quanti ad un altro, così come il numero di personaggi che appartengono ad una minoranza. La University of Southern California ha usato il tool in diversi report sulla rappresentatività dei film hollywoodiani per quanto riguarda persone con handicap o appartenenti alla comunità LGBT.

"Lavoreremo con Disney usando il tool durante il prossimo anno", ha spiegato Geena Davis. "Li aiuteremo nel processo di decision making e nell'individuazione di opportunità per aumentare la diversità e l'inclusione nei soggetti che ricevono".

Quanto è interessante?
7