Donald Trump attacca nuovamente Amazon, il Washington Post e Jeff Bezos

Donald Trump attacca nuovamente Amazon, il Washington Post e Jeff Bezos
di

Dopo un periodo di calma apparente, il Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, torna a scagliarsi contro Amazon ed il Washington Post, ovviamente attraverso il suo account ufficiale Twitter che negli ultimi giorni è stato al centro di non poche polemiche.

Secondo quanto twittato da Trump, "il Washington Post non è altro he una costosa lobby per Amazon. E' uno strumento che viene usato come protezione contro le rivendicazioni antitrust che secondo alcuni dovrebbero essere avanzate?" è la domanda del Presidente.

Poco dopo Trump è tornato nuovamente sulla questione: "Amazon Washington Post è impazzito contro di me da quando ha perso il caso davanti alla Corte Suprema due mesi fa", è l'altro tweet incriminato, riferito alla decisione dei saggi secondo i quali gli stati americani possono riscuotere tasse sulle vendite online, anche da quei rivenditori che ad oggi non le fanno pagare ai clienti.

Trump annuncia che "ora toccherà al servizio postale che Amazon usa a una frazione del costo reale". Quest'ultimo aspetto era stato affrontato già in passato da Trump, quando per la prima volta si era scagliato contro il Servizio Postale Americano, che secondo il Presidente dovrebbe ricevere una quantità maggiore di denaro per l'utilizzo che ne fa Amazon. Trump aveva anche in passato affermato che Bezos utilizzerebbe il Post come ufficio stampa per criticare i Repubblicani e la Casa Bianca.

A seguito dei tweet del Presidente, il titolo Amazon ha lasciato l'1,2 per cento.

Quanto è interessante?
5