Donald Trump bloccato da Facebook, Instagram e Twitter dopo le rivolte di Washington

Donald Trump bloccato da Facebook, Instagram e Twitter dopo le rivolte di Washington
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Dopo le incredibili rivolte avvenute nella serata italiana di ieri a Washington, i social network hanno deciso di correre ai ripari nei confronti del Presidente degli Stati Uniti Donald Trump, reo di aver aizzato la folla che poi è entrata al Congresso Americano.

Twitter, attraverso l'account Twitter Safety, ha annunciato che ha bloccato l'account di Trump per dodici ore dopo aver rimosso tre tweet che contenevano "violazioni ripetute e gravi" alla politica interna del social network. La società ha anche specificato che il profilo sarà bannato in maniera permanente qualora le violazioni dovessero continuare, e non verrà sbloccato a meno che Trump non elimini completamente i tre tweet incriminati.

La decisione è arrivata dopo che Trump aveva pubblicato un video che Twitter ha ritenuto "un rischio per la violenza".

Anche Facebook ed Instagram hanno fatto lo stesso. Il social network di Mark Zuckerberg ha impedito al presidente Trump di pubblicare qualsiasi contenuto per 24 ore, ed anche in questo caso la decisione è arrivata dopo la rimozione di alcuni post riguardanti l'assalto al Campidoglio. "Abbiamo valutato due violazioni delle politiche da parte del presidente Trump che si tradurranno in un blocco di 24 ore" si legge in un post.

Lo stesso riguarderà anche l'account Instagram di proprietà di Donald Trump, come annunciato da Adam Mosseri.

Il prossimo 21 Gennaio, nel giorno dell'insediamento del nuovo presidente Joe Biden, Twitter caccerà Donald Trump dall'account POTUS ed il tycoon perderà qualsiasi tipo di immunità dal social network.

FONTE: The Verge
Quanto è interessante?
3