di

Donald Trump ci ricasca. La scorsa notte, il Presidente degli Stati Uniti ha fatto visita insieme all'amministratore delegato di Apple, Tim Cook, allo stabilimento texano in cui il colosso di Cupertino produce i nuovi Mac Pro. Al termine dell'incontro, il POTUS si è riversato su Twitter per commentare il tour, pubblicando un'informazione errata

Nel tweet, che vi proponiamo in calce, Donald Trump annuncia di aver "inaugurato una nuova fabbrica di Apple in Texas, che riporterà i lavori ben retribuiti in America", il tutto condito da un attacco alla speaker Nancy Pelosi.

Le dichiarazioni sono finite sui quotidiani americani, ma come osservato da ArsTechnica si tratta di un'informazione errata. In primo luogo, lo stabilimento è di proprietà di Flex, l'appaltatrice esterna di cui si serve Apple, e non rientra tra gli assets della compagnia di Cupertino. Inoltre, la struttura è attiva da sei anni, dal 2013 per la precisione, quando il Presidente era Barack Obama.

Apple sta si aprendo una nuova struttura ad Austin, ma si tratterà di un complesso di uffici di 3 milioni di metri quadrati che darà lavoro a dipendenti che si occupano di "ingegneria, ricerca e sviluppo, finanza, vendite ed assistenza clienti" e non è in alcun modo legato alla produzione dei prodotti.

Complessivamente Apple investirà 1 miliardo di Dollari in questo campus, un investimento che si aggiunge ai 350 miliardi di Dollari annunciati lo scorso anno.

Tim Cook si è anche concesso ai microfoni di ABC News, con cui ha parlato anche del rapporto con il presidente Trump. Il CEO ha affermato che l'inquilino della Casa Bianca non cambia le sue priorità sia lavorative che personali.

Il numero uno della compagnia di Cupertino ha anche anche affermato che spera che Stati Uniti e Cina trovino un accordo che metta fine alla guerra commerciale tra i due paesi, ma ha osservato che Apple non intende speculare sul possibile aumento dei prezzi degli iPhone.

Quanto è interessante?
7