La Dracunculiasi: una malattia parassitaria che flagella ancora l'Africa

La Dracunculiasi: una malattia parassitaria che flagella ancora l'Africa
INFORMAZIONI SCHEDA
di

La malattia del verme di Guinea, o dracunculiasi, è una parassitosi sottocutanea, causata dal Dracunculus medinensis che viene solitamente contratta bevendo acqua contenente pulci d'acqua che trasportano le larve del parassita.

I vermi, una volta nell'ospite, si accoppiano e crescono all'interno del corpo, e dopo 10-14 mesi il verme adulto (lungo circa un metro) emerge, di solito dalle braccia o dalle gambe, per spargere le sue larve nell'acqua così da permettere il nuovo ciclo riproduttivo.

Questo parassita è stato per molto tempo una piaga importante per molte zone dell'Africa, provocando disabilità e traumi in alcune delle comunità più povere del mondo quali Ciad, Etiopia, Mali e Sud Sudan. Come se già non bastasse la nuova epidemia di Ebola in Guinea.

Grazie però ai programmi di eradicazione messi in atto negli ultimi decenni, questa malattia è stata ridotta dagli iniziali milioni di casi negli anni '80 ai soli 27 del 2020. Il verme di Guinea sarebbe infatti dovuta essere la seconda malattia umana ad essere debellata completamente, dopo il vaiolo.

Ma mentre l'eradicazione sembrava ormai imminente, è emerso come anche i cani domestici potessero ospitare, e quindi diffondere, il parassita. Dai dati raccolti infatti, circa il 93% dei parassiti rilevati in tutto il mondo erano stati trasmessi dai cani presenti nel territorio del Ciad, e dell'Africa centrale.

Una ricerca dell'Università di Exeter, pubblicata recentemente sul Current Biology, ha infatti rivelato questo nuovo percorso di trasmissione; in cui i cani diventano vettori mangiando del pesce che a sua volta trasporta le larve del parassita, mantenendo così attivo il suo ciclo vitale e permettendogli di infettare ulteriormente gli esseri umani.

Il prof. Robbie McDonald, dell'Environment and Sustainability Institute di Exeter, che ha guidato lo studio, ha infatti dichiarato: "I cani sono ora l'ostacolo principale per sradicare questa terribile malattia. Il nostro lavoro mostra che la pesca e la semplicità con cui i cani riescano a procurarsi del pesce stanno probabilmente contribuendo alla persistenza del verme di Guinea in Ciad".

La sfida quindi sarà eliminare questo agente patogeno non solo dalle persone ma anche dagli animali, cercando di arginarne il vettore, così come si sta cercando di fare per la malattia di Lyme asciugando la saliva delle zecche per contrastarla.

Quanto è interessante?
1
La Dracunculiasi: una malattia parassitaria che flagella ancora l'Africa