Due scienziati ipotizzano un nuovo approccio nella ricerca di vita oltre la Terra

di
Gli scienziati sono alla continua ricerca di nuovi mondi che potrebbero ospitare la vita, ma ad oggi tendono a cercare mondi con caratteristiche simili a quelle della Terra. Il tutto ha un senso, alla luce delle teorie sull'evoluzione del nostro pianeta.

Tuttavia, due scienziati attraverso uno studio pubblicato sulla rivista arXiv.org, riferiscono che, in base alle loro ricerche, è più probabile che i ricercatori trovino la vita su mondi ghiacciati con oceani nel sottosuolo.

Come dicevamo poco prima, gli scienziati stanno cercando in primo luogo pianeti simili alla Terra (rocciosi e con acqua liquida in superficie) per trovare la vita. Ma Manasvi Lingam ed Abraham Loeb ipotizzano che si tratta di un campo di ricerca troppo limitato. Nel loro studio, guardano da vicino quello che è il concetto di "zona abitabile" e sostengono che non dovrebbe essere interpretato come un fattore predittivo per l'abitabilità. Ad esempio, Marte e Venere sono all'interno della zona abitabile del sole.

I pianeti fuori da questo settore sono in grado di supportare oceani liquidi sotto una crosta di ghiaccio, come accade per pianeti come Europa, Titano e Plutone. I due hanno anche calcolato i vantaggi e gli svantaggi che la vita potrebbe avere su questi pianeti, nel caso in cui esistesse.

I due concludono affermando che, dal momento che i pianeti ghiacciati sono molto più comuni dei rocciosi, gli scienziati dovrebbero concentrarsi maggiormente su di essi nei loro studi, per comprendere le prospettiva di vita negli oceani sottosuolo.

FONTE: Engadget
Quanto è interessante?
8