C'è stato un uomo la cui frequenza cardiaca ha raggiunto i 600 battiti al minuto

C'è stato un uomo la cui frequenza cardiaca ha raggiunto i 600 battiti al minuto
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Esistono dei casi clinici che farebbero impallidire qualsiasi puntata del Dottor House. Oltre alla bizzarra storia dell'uomo con l'urina verde e la donna che piangeva sangue, oggi vogliamo parlarvi di uno studio che ha stupito i medici: nel 2012 un paziente ha raggiunto una frequenza cardiaca di 600 battiti al minuto, 300 sopra il limite teorico.

Tutto è iniziato quando un uomo tetraplegico di 57 anni è stato portato in ospedale lamentando vertigini e pressione toracica. Dopo un esame preliminare e diverse accortezze mediche è stato ricoverato. Durante il terzo giorno di ricovero ha sperimentato diversi episodi di dolori al petto e tachiaritmia (frequenza cardiaca elevata e ritmo anormale) ed è proprio in uno di questi episodi che la frequenza cardiaca del paziente ha raggiunto circa 600 bpm (battiti al minuto) per circa 20 secondi.

Dopo questi attimi fuori scala, il battito è sceso a 300 bpm per poi tornare normale. L'evento ha superato le aspettative dei medici e perfino un record precedente di 480 bpm. "Una ricerca nella letteratura non medica ha anche rivelato un caso clinico di un audiologo danese, Ole Bentzen, morto ridendo mentre guardava il film nel 1989 quando la sua frequenza cardiaca è stata segnalata tra 250 e 500 battiti al minuto", scrivono i medici.

Come ha fatto un cuore a battere così tanto, superando perfino le aspettative? Il team ha suggerito che la spiegazione più probabile fosse la fibrillazione atriale, ovvero una patologia che consiste in un'alterazione della frequenza cardiaca e irregolare, e la presenza di diversi bypass nel cuore.

FONTE: iflscience
Quanto è interessante?
3