Ebbene si, anche ai topolini piace giocare a nascondino e divertirsi con gli umani

Ebbene si, anche ai topolini piace giocare a nascondino e divertirsi con gli umani
di

Un gruppo di scienziati tedeschi ha realizzato un esperimento molto interessante con i topolini scoprendo che questi piccoli animaletti hanno una peculiarità inaspettata.

Ebbene sì, anche i piccoli topolini amano giocare e divertirsi con gli esseri umani. Il loro gioco preferito è il nascondino e questo gruppo di scienziati ha messo su un piccolo parco giochi proprio per loro.

L’esperimento con queste piccole creature, solitamente, durava 1-2 settimane e avveniva all’interno di una stanza quadrata di circa 30 metri quadri.

La stanza era piena di scatoli, più grandi per nascondere gli umani e più piccini per i topolini.

Per prima cosa ai topi veniva insegnato il gioco mettendoli all’interno di una scatola di cartone. Gli veniva insegnato che se la scatola era chiusa e veniva aperta da un comando a distanza, essi dovevano cercare gli esseri umani nascosti.

Se la scatola, invece, era chiusa, stava ad indicare che erano i topi a doversi nascondere dalla “caccia” degli umani.

Ma come hanno fatto i ricercatori a capire se i topi si stessero veramente divertendo? Semplice, da alcuni segnali caratteristici.

Per prima cosa, i topini eseguivano un piccolo saltello sul posto ad indicare che si stavano divertendo oppure emettevano uno squittio particolarmente acuto negli ultrasuoni che sembrava quasi una risatina.

Entrambi erano segni evidenti che il topolino si stava divertendo a giocare.

I piccoli mammiferi giocavano per il semplice gusto di farlo perché non venivano, al termine delle manche, ricompensati con cibo o zucchero ma con il semplice contatto fisico, ad esempio con delle carezze.

Da questo studio è emerso che i topi sono animali estremamente intelligenti e sociali e lo scopo ultimo della ricerca è lo studio di quella zona del cervello addetta alle interazioni sociali.

I topolini, infatti, avevano sulla fronte degli elettrodi che registravano l’attività elettrica del cervello durante le ore di gioco.

Insomma, sembra che ci sia una cosa che accomuna tutti i mammiferi ovvero una certa predisposizione al gioco, il divertimento fine a sè stesso che sperimentiamo quando giochiamo con i nostri amici.

FONTE: Phys Org
Quanto è interessante?
10