INFORMAZIONI SCHEDA
di

Interessante video pubblicato sul canale di divulgazione scientifica AsapSCIENCE, che affronta una delle tematiche più curiose ed affascinanti per gli appassionati di scienza: il futuro degli esseri umani. I ragazzi affrontano infatti alcune delle scoperte scientifiche più eccitanti per proiettarle verso il futuro.

Prima di scatenare facili allarmismi, i ragazzi di AsapSCIENCE fanno un passo indietro per permetterci di tastare con mano le potenzialità del nostro cervello, ma anche per capire il tipo di evoluzione registrato negli anni. Circa 10.000 anni fa infatti abbiamo sviluppato la tolleranza al latte di mucca, mentre negli ultimi 150 anni abbiamo aggiunto in media 10 centimetri alla nostra altezza media. Infine, negli ultimi 65 anni grazie ai progressi scientifici la vita media è aumentata di 20 anni.

In tutto ciò c'è un elemento che potrebbe "proteggerci" in futuro: il nostro cervello che, ad oggi, è più potente di qualsiasi sistema informatico, anche il più avanzato. Nel 2014 i ricercatori giapponesi hanno utilizzato un Computer K, uno dei più potenti al mondo, per simulare l'attività del cervello umano. Sono stati necessari 705.024 core, 1,4 milioni di gigabyte di RAM e 40 minuti per elaborare la stessa quantità che il nostro cervello elabora in 1 secondo.

Tale vantaggio però potrebbe non essere perpetuo. Gli scienziati infatti prevedono che in futuro i computer non solo riusciranno a raggiungere la stessa capacità computazionale del cervello umano, ma svilupperanno anche un'intelligenza artificiale che può parlare, interagire, ascoltare e ricordare. La speranza è ovviamente che tutto ciò non ci si ritorca contro.

A quanto pare però, l'evoluzione dell'IA e robot porterà anche ad un incremento delle capacità degli esseri umani, che saranno sempre più integrati con i robot.

Gli scienziati infatti prevedono che avremo dei minuscoli robot battezzati nanorobot che ruoteranno intorno ai nostri corpi allo scopo di migliorare le nostre capacità neurali. Tale processo è battezzato transumanesimo e ci porterà oltre i limiti della biologia.

Nei prossimi 1.000 anni, secondo AsapSCIENCE, dovrebbe diminuire anche la quantità di lingue parlate sul pianeta, mentre le radiazioni UV mixate all'aumento delle temperature medie potrebbero rendere la pelle degli esseri umani più scura. Inoltre, le persone potrebbero diventare molto più alte e magre.

Quanto è interessante?
11