Elon Musk mette sotto pressione Twitter: "Fornisca dati su account spam o viola intesa"

Elon Musk mette sotto pressione Twitter: 'Fornisca dati su account spam o viola intesa'
INFORMAZIONI SCHEDA
di

L’accordo per l’acquisto di Twitter da parte di Elon Musk ha visto un arresto momentaneo alla luce di un disguido non indifferente agli occhi del magnate d’origine sudafricana: la presenza eccessiva di bot sul social. In queste ore, Musk ha dunque messo sotto pressione la società richiedendo i dati che gli servono, pena la violazione dell’intesa.

Come ripreso da The Verge, all’interno di una lettera inviata alla Sec il team legale del patron di Tesla ha spiegato che i gestori di Twitter non avrebbero ancora fornito le informazioni richieste sui bot responsabili dello spam all’interno della piattaforma, e che egli avrebbe diritto a ricevere tutti i dati sulla base dell’accordo commerciale raggiunto tra le parti.

Nello specifico, gli avvocati hanno scritto quanto segue: “Il Signor Musk crede che la società stia attivamente resistendo e contrastando i suoi diritti di informazione (e i corrispondenti obblighi della società) ai sensi dell'accordo di fusione”. Alla luce di ciò, Musk potrebbe scegliere di “non rispettare l’accordo” a causa della presunta violazione del contratto.

Questa è la prima, vera e propria minaccia ufficiale di ritiro dall’acquisizione da parte di Musk: dopo settimane di lamentele tra tweet e interviste, egli potrebbe davvero abbandonare l’accordo per questa indisponibilità da parte della piattaforma ora guidata da Parag Agrawal. A proposito, quest’ultimo il mese scorso scrisse che era in atto una conversazione proprio con Elon relativamente alle stime della presenza di bot. La questione è tuttavia più che aperta e i risvolti sono ancora avvolti nell’ombra. In assenza di commenti da parte di Twitter, non ci resta che seguire la vicenda con attenzione.

Qualche giorno fa, invece, Elon Musk ha parlato del Tesla Bot.

FONTE: The Verge
Quanto è interessante?
1