Elon Musk si scusa con il sommozzatore inglese: "parole dettate dalla rabbia"

Elon Musk si scusa con il sommozzatore inglese: 'parole dettate dalla rabbia'
di

Dopo giorni di polemiche e critiche, e soprattutto la lettera di Munster, Elon Musk si è pubblicamente scusato con il sub inglese che ha salvato i 12 ragazzi in Thailandia e che era stato definito "un pedofilo" dallo stesso CEO di Tesla sul proprio account ufficiale Twitter.

"Le mie parole erano dettate dalla rabbia, dopo che il signor Unsworth ha pronunciato diverse falsità e mi ha suggerito di intraprendere un atto sessuale con il mini sub che avevo progettato per salvare i ragazzi" ha affermato Elon Musk in una serie di tweet pubblicati sul proprio account ufficiale Twitter in nottata. "Nondimeno, le sue azioni contro di me non giustificano le mie azioni contro di lui, e per questo mi scuso con Unsrowth e tutte le compagnie che rappresento come leader: la colpa è solo ed esclusivamente mia".

Nonostante ciò, però, continuano a piovere critiche su Musk per il comportamento definito "inspiegabile" da alcuni. Mai prima d'ora, infatti, il CEO di Tesla e SpaceX si era sfogato così duramente, ed apertamente, nei confronti di una persona, e probabilmente lo stesso se n'è reso conto in quanto il tweet è stato rapidamente cancellato, ma non abbastanza velocemente per impedirgli di fare il giro del mondo.

Oggi, arrivano le scuse pubbliche, a poco più di ventiquattro ore dal crollo del titolo Tesla, che ha perso il 3 per cento nella giornata di ieri. La domanda è se questo comunicato pubblico basterà per evitare ad Unsworth di fargli causa o meno, dal momento che lo aveva annunciato.

FONTE: CNET
Quanto è interessante?
4