Emergono nuovi dettagli sul naufragio della nave del famigerato pirata Barbanera

Emergono nuovi dettagli sul naufragio della nave del famigerato pirata Barbanera
di

Uno dei pirati più famosi e temuti della storia è sicuramente Barbanera, che depredava le navi del Nord America e dei Caraibi all'inizio del XVIII secolo. Il regno del terrore marittimo di Barbanera terminò non molto tempo dopo che la sua nave si arenò vicino alle Outer Banks del North Carolina. Secondo alcune prove, però, non fu un incidente.

I documenti storici descrivono la nave (Queen Anne's Revenge) arenata nel 1718 durante una fuga frettolosa. La nave è stata abbandonata quando si bloccò su un banco di sabbia e, infine, affondò sotto la superficie dell'acqua. Gli storici si chiedono da tempo se Barbanera abbia semplicemente giudicato male la profondità del banco di sabbia. Tuttavia, una recente analisi dello scafo ha rivelato che l'imbarcazione era già in cattive condizioni quando si bloccò sulla sabbia, ed era probabile che stesse già "colando a picco" irreparabilmente quando il pirata decise di abbandonarla.

"In battaglia, Barbanera era un feroce avversario con una forza disumana", secondo il National Parks Service (NPS). "Ha coltivato la sua immagine per incutere paura nei cuori degli altri marinai, avvolgendo spire accese a fuoco lento nei suoi lunghi capelli neri e nella sua barba". La Queen Anne's Revenge era una parte importante del personaggio intimidatorio di Edward Thatch. Alcuni resoconti descrivono la nave con a bordo 22 cannoni, altri fino a 40.

Il relitto è preservato dal Queen Anne's Revenge Project, uno sforzo di ricerca di storici, archeologi e conservatori per preservare e recuperare la nave pirata. Da quando fu scoperto nel 1996, gli archeologi hanno trovato reperti di piombo nel sito. Gli esperti hanno sospettato a lungo che i marinai usassero il piombo per riparare lo scafo delle navi, ma i frammenti non erano stati studiati formalmente. Così, adesso, questi oggetti sono stati analizzati per la prima volta dall'archeologo Jeremy Borrelli.

I risultati sono stati pubblicati il ​​30 giugno su "The International Journal of Nautical Archaeology" e suggeriscono che la nave fosse già pesantemente danneggiata quando Barbanera decise di abbandonarla. Prima che Barbanera catturasse la Queen Anne's Revenge nel 1717, era una nave di schiavi chiamata Concorde, e le registrazioni menzionano diversi casi in cui la nave fu gravemente danneggiata e richiese ampie riparazioni. Sotto il controllo di Barbanera, l'imbarcazione accumulò ancora più danni.

I resoconti storici suggeriscono anche che Barbanera possa aver avuto un altro motivo per arenare la sua amata compagna di viaggio: tenere per sé una porzione maggiore del riscatto. Poco dopo che i pirati abbandonarono la QAR, Thatch requisì una piccola imbarcazione da 12 cannoni, abbandonò parte dell'equipaggio sulla costa e salpò verso nord, secondo Borrelli. Il luogo del naufragio molto probabilmente nasconde molti più intriganti segreti sulla nave e sul suo capitano. Ad oggi, solo il 60% del sito è stato scavato e molti manufatti inesplorati rimangono sparsi sul fondo del mare.

Quanto è interessante?
9