L'emozionante vita di Jeanne Baret, la prima donna e scienziata a circumnavigare il globo

L'emozionante vita di Jeanne Baret, la prima donna e scienziata a circumnavigare il globo
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Intelligente, furba e determinata a raggiungere i propri obiettivi. Questi potrebbero essere gli aggettivi più adatti per descrivere questo fantastico personaggio che, pur di origini povere, riuscì ad ergersi come scienziata e rivoluzionaria per l'epoca in cui visse.

Jeanne Baret (1740-1807) non ebbe sicuramente un'infanzia facile. Figlia di un padre bracciante, si vide costretta a vivere per un lungo periodo di tempo imprigionata in una Borgogna (regione francese) conservatrice e bigotta.

Tra il 1760 e il 1764, tuttavia, la sua vita cambiò drasticamente. Baret venne assunta come casalinga presso la casa di Philibert Commerson (1727-1773), un famoso naturalista dell'epoca.

Quello che salta di più agli occhi degli storici è il profondo legame che li unì. Non era semplice amore o desiderio, ma qualcosa di più profondo a livello intellettuale. Il loro fu un rapporto così forte che, quando nel 1765 Commerson fu invitato ad unirsi alla spedizione dell'esploratore Louis Antoine di Bougainville (1729-1811), Baret decise di vestirsi da uomo e affiancarlo nell'esplorazione.

Questo gesto fu sicuramente progettato da entrambi e insieme decisero di correre un rischio che poteva comportare delle severe punizioni. "Perché?" potrete chiedere voi. La risposta è abbastanza scontata: alle donne era proibito salire sulle navi e, nel caso fossero state scoperte a bordo, potevano essere punite con multe o anni di prigione.

Quando le imbarcazioni salparono, nel 1766, nessuno sospettava di lei. D'altro canto, la situazione di Commerson non fu tra le più rosee. Soffriva già di salute cagionevole e con i continui cambi di temperatura presto cominciò ad avere ulcere ricorrenti alla gamba. Baret imparò così sia a medicare sia tutte le nozioni che Commerson le poteva trasmettere sulla natura e, in particolare, le piante.

Mentre il naturalista soffriva, lei, con uno spirito perennemente assetato di conoscenza, svolgeva gran parte dei compiti e delle analisi scientifiche. Per quanto la scoperta di migliaia di specie di piante sia stata accreditata al suo compagno, fu Baret, in realtà, a identificarle.

Una tra le più celebri piante scoperte dalla donna in quell'esplorazione fu la "buganvillea", identificata in Brasile nel 1767 - anche se i meriti vennero presi, nuovamente, da Commerson.

Attraversando gli aspri territori della Patagonia, "Jean Banet", il suo nome da uomo, divenne celebre fra i superstiti della spedizione per il suo coraggio e la sua resistenza.

Tuttavia, la fama durò poco. Nel 1768 venne scoperto il suo sesso. Non si sa come, ma l'ipotesi più accreditata sostiene che avvenne quando le navi attraccarono nelle coste di Tahiti e venne scoperta dagli abitanti dei villaggi con cui entrarono in contatto.

Quello che ne conseguì non è completamente chiaro, per via della mancanza di fonti che la citino. Alcuni sostengono che la donna venne stuprata, ma non è certo. Quello che si sa è che la coppia, insieme, resistette e attraversò tutto il Pacifico. Approdando nell'isola di Mauritius, nell'Oceano Indiano, Bougainville si liberò della donna che aveva illegalmente a bordo e il suo complice.

I due rimasero per un po' di tempo ospiti del governatore locale dell'isola e, in un'ultima spedizione solitaria, esplorarono il Madagascar e l'isola di Bourbon tra il 1770 e il 1772.

Alla morte di Commerson, Baret rimase bloccata nell'isola di Mauritius. Non aveva più niente, se non i ricordi, la conoscenza e una terribile voglia di completare quello che aveva iniziato.

Nel 1774 sposò un ufficiale dell'esercito francese, potendo, così, ritornare in Francia - quasi sul punto di una rivoluzione- e passare, così, alla storia come la prima donna e scienziata ad aver circumnavigato l'intero globo.

FONTE: History
Quanto è interessante?
1
L'emozionante vita di Jeanne Baret, la prima donna e scienziata a circumnavigare il globo