Espansione dell'Universo: nuova misurazione trova ulteriore risultato

Espansione dell'Universo: nuova misurazione trova ulteriore risultato
di

Una squadra dell'Università di Chicago usando le misurazioni delle stelle giganti rosse, osservate dal Telescopio Spaziale Hubble, ha ottenuto un valore completamente nuovo della velocità con cui l'Universo si sta espandendo, che si colloca esattamente al centro dei due valori attualmente dibattuti.

Si chiama costante di Hubble e ha aiutato gli scienziati a delineare la storia e la struttura dell'Universo. Tuttavia i due attuali strumenti principali, utilizzati per misurare il tasso di espansione del cosmo, non si trovano d'accordo.

Il primo metodo utilizza stelle chiamate cefeidi, che pulsano ad intervalli regolari. Gli astronomi possono infatti usare la loro luminosità e il periodo tra gli impulsi per misurare la distanza dalla Terra. Questa tecnica fornisce un tasso di espansione di 74.0 chilometri al secondo per megaparsec.

Il secondo metodo utilizza il bagliore residuo dallo scoppio del Big Bang: la radiazione cosmica di fondo. Secondo questo metodo l'Universo si sta espandendo a 67.4 chilometri al secondo per megaparsec.

Lo studio, pubblicato sull'Astrophysical Journal, ha mostrato un nuovo metodo per calcolare la costante di Hubble. Tutto si basa su una classe di stelle molto luminose chiamate giganti rossi. In un certo periodo della loro vita, l'elio delle stelle si accende, portando il corpo celeste ad una temperatura altissima (100 milioni di gradi).

Quando accade, il picco di luminosità della stella è facilmente misurabile perché si abbassa di moltissimo. Secondo questo metodo il tasso di espansione dell'Universo è di 69.8 chilometri al secondo per megaparsec, una cifra che si colloca in mezzo ai due valori precedenti.

Questa non è una misura definitiva, e dovranno essere fatte altre osservazioni indipendenti. Tuttavia nei prossimi anni, grazie ai telescopi spaziali di prossima generazione, sarà possibile dare una stima più precisa di questi dati.

FONTE: phys.org
Quanto è interessante?
9