Facebook: un aggiornamento in fase di test modifica la gestione del news feed, di nuovo

Facebook: un aggiornamento in fase di test modifica la gestione del news feed, di nuovo
di

Dopo la pubblicazione di un report secondo cui Facebook causerebbe una vera e propria dipendenza in alcuni utenti, Meta ha deciso di modificare nuovamente la gestione del feed di Facebook, con l'intenzione di dare più controllo agli utenti su cosa appare nella loro homepage e di privilegiare i contenuti degli amici sopra a quelli delle aziende.

Meta ha infatti confermato di aver avviato una fase di testing per delle nuove modalità di personalizzazione da parte degli utenti dei contenuti visibili nel news feed del suo social network. Le nuove feature dovrebbero essere già disponibili per un piccolo gruppo di utenti in tutto il mondo, e dovrebbero permettere loro di aumentare o di ridurre il numero di contenuti mostrati da specifici amici, famigliari, gruppi e pagine seguite sulla piattaforma.

Quello annunciato ieri è solo l'ultimo cambiamento dell'algoritmo del news feed di Facebook, che in molte sue parti è ancora sconosciuto ai più: l'azienda di Mark Zuckerberg, infatti, non ha mai spiegato il funzionamento degli algoritmi di scelta dei contenuti mostrati agli utenti. Ciò che sappiamo, però, è che tale algoritmo è stato rivisto nel 2015, nel 2016, nel 2018 e successivamente anche nel 2020, evidentemente senza successo.

Se le prime due modifiche del feed dovevano servire a dare la priorità ai post delle persone fisiche sopra a quelli delle aziende, nel 2018 l'azienda ha deciso di mostrare prima i post con più interazioni, cioè quelli capaci di generare un maggior numero di commenti e like. Infine, l'aggiornamento del 2020 ha cercato di presentare una versione "buona" di Facebook, focalizzandosi sulle fonti di notizie attendibili, mostrate prima di quelle considerate poco affidabili.

Lo scorso settembre, Facebook ha rilasciato un report dicendo che avrebbe permesso al pubblico di accedere a più informazioni sul suo algoritmo, in particolare sui contenuti che vengono "soppressi" dai news feed. L'ultimo update del social, secondo Meta, rientra nella stessa falsariga di quest'ultima scelta, ovvero quella di "dare alle persone più controllo sul proprio news feed, così che possano vedere più di ciò che vogliono e meno di ciò che non vogliono". È anche possibile che la scelta di Meta di dare più controllo sul news feed agli utenti dipenda dal tentativo di fare di Facebook un posto sicuro per i bambini.

FONTE: The Verge
Quanto è interessante?
1