Facebook ammette: i dati personali di 30 milioni di utenti sono finiti in mano agli hacker

Facebook ammette: i dati personali di 30 milioni di utenti sono finiti in mano agli hacker
di

Facebook ha appena dichiarato di aver subito la più grande violazione della sicurezza nella sua storia, poiché 30 milioni di utenti hanno visto i loro indirizzi e-mail e i loro numeri di telefono finire in mano agli hacker. Ma non è finita qui: 14 milioni di utenti sono stati colpiti più duramente dall'attacco.

In particolare, stando anche a quanto riportato dalla CNN, per quanto riguarda questi ultimi, sono finiti nelle mani dei malintenzionati anche i seguenti dati: "Username, sesso, stato/lingua, stato sentimentale, religione, città natale, città attuale, data di nascita, tipi di dispositivi utilizzati per accedere a Facebook, istruzione, lavoro, gli ultimi 10 luoghi in cui ci si è registrati o si è stati taggati, sito Web, persone o Pagine seguite e le 15 ricerche più recenti".

Lo scorso 28 settembre, Facebook aveva annunciato che 90 milioni di account erano vulnerabili, a causa di un'importante falla di sicurezza. In parole povere, questa ha permesso agli hacker di rubare i token di accesso di Facebook, cosa che ha permesso ai malintenzionati di accedere ai succitati dati. La società di Zuckerberg ha prontamente ripristinato i token per i 50 milioni di account coinvolti e per altri 40 milioni, per andar sul sicuro. Tuttavia, come potete notare, successivamente la società californiana si è accorta che gli utenti colpiti erano un po' di meno, anche se questo non basta per ridurre la gravità della vulnerabilità.

FONTE: CNN
Quanto è interessante?
4

Alla ricerca di consigli di stile? Acquista The Blond Salad su Amazon, il libro della fashion blogger più popolare e apprezzata.

Facebook ammette: i dati personali di 30 milioni di utenti sono finiti in mano agli hacker