Facebook ha annullato la conferenza F8 per via delle preoccupazioni legate al Coronavirus

Facebook ha annullato la conferenza F8 per via delle preoccupazioni legate al Coronavirus
di

Facebook ha annullato ufficialmente la conferenza F8. L'annuncio è arrivato direttamente tramite un comunicato pubblicato online dall'azienda di Mark Zuckerberg.

In particolare, stando a quanto riportato da CNBC e come scritto dalla stessa Facebook sul suo blog ufficiale, l'edizione 2020 della conferenza F8 è stata annullata per via delle preoccupazioni legate al Coronavirus.

Konstantinos Papamiltiadis, dipendente di Facebook, ha scritto: "Ogni anno non vediamo l'ora di entrare in contatto con la nostra comunità di sviluppatori provenienti da tutto il mondo e di condividere con loro la nostra visione per il futuro durante l'F8 [...]. Tuttavia, date le crescenti preoccupazioni per COVID-19, abbiamo preso la difficile decisione di annullare tutte le attività legate a F8 2020 che richiedono la presenza fisica. [...] È stata una scelta difficile da prendere, [...] ma dobbiamo dare priorità alla salute e alla sicurezza dei nostri [...] dipendenti e di tutti coloro che aiutano a mettere in piedi F8".

Papamiltiadis ha inoltre affermato che Facebook sta valutando altri metodi per mettere in contatto i partecipanti, magari attraverso video e dirette. Il dipendente dell'azienda di Mark Zuckerberg ha poi sottolineato che verranno divulgate ulteriori informazioni nel corso delle prossime settimane, ricordando a tutti che ci sarà l'occasione di vedersi di persona l'anno prossimo all'F8 2021.

Vi ricordiamo che F8 è un evento dedicato principalmente agli sviluppatori o comunque a coloro che lavorano e realizzano servizi tramite il popolare social network di Mark Zuckerberg e soci. L'evento sarebbe dovuto tenersi a San Jose (California) dal 5 al 6 maggio 2020. Stando a quanto riportato da CNBC, lo scorso anno i partecipanti erano circa 5000.

FONTE: Facebook
Quanto è interessante?
4
Facebook ha annullato la conferenza F8 per via delle preoccupazioni legate al Coronavirus