Facebook è capace di capire quando avete poca autostima e lo sfrutta per gli ads

di

Un documento rubato dal team di Facebook Australia rivela un fatto piuttosto inquietante sulle strategie commerciali del social network. A quanto pare Facebook è perfettamente in grado di capire quando un teenager ha problemi di autostima. A cosa serve una feature del genere? Beh, per bombardare i ragazzini insicuri di pubblicità aggressiva.

Il documento rivela che l'algoritmo di Facebook sa bene quando i ragazzi, specie se minorenni, hanno bisogno di un "boost di confidenza". Anzi, usando le parole del documento, Facebook sa bene quando i ragazzini si sentono "inutili", "stressati", "falliti" o "stupidi".

Gli advertiser possono quindi sfruttare facilmente questa feature del social network per bersagliare i teenager nei loro momenti di maggiore fragilità. Il documento scende poi in dettagli altrettanto inquietanti, spiegando come gli advertiser possono tarare le loro pubblicità per raggiungere ragazze e ragazzi in sovrappeso che desiderano perdere chili, in modo da vendere loro prodotti dimagranti.

Facebook si trova nelle mani un potere immenso, basti ricordarsi come un annetto fa usò i propri utenti come cavie testando i modi in cui il social poteva manipolare il loro umore.

Fa quindi abbastanza inorridire che il social network non usi questa sua capacità per venire incontro a chi ne ha bisogno, preferendo gettare chi è più vulnerabile in pasto alla pubblicità.

FONTE: cnet.com
Quanto è interessante?
0