Facebook: continua a fare vittime il virus che si propaga tramite i banner

di

La pagina ufficiale Facebook della Polizia di Stato ha lanciato l'allarme riguardo un virus che si starebbe propagando sempre più velocemente tramite il social network di Mark Zuckerberg. In particolare, si legge nel comunicato, gli utenti sarebbero tratti in inganno da un banner che riprenderebbe il classico design delle notifiche che ricevono gli iscritti quando vengono taggati da un amico in un post o fotografie.

Una volta cliccato su questo, viene chiesto loro di installare un programma che ottiene l'accesso al computer ed è anche in grado di trafugare i dati ed informazioni personali contenute sui PC.
Nel comunicato, Agente LISA afferma che “È di questi giorni la segnalazione di un nuovo ‪#‎virus‬ che si diffonde tramite i profili ‪#Facebook‬. Vi ritrovate taggati in un video o in una foto da un vostro amico (si tratta quasi sempre di pornografia) solo che il vostro amico non ne sa nulla e se, incuriositi, cliccate sul link, il vostro pc sarà infettato da un virus. Si tratta di un programma malevolo che si insinua nel computer e tra i vari effetti può carpire anche i dati sensibili. Questo virus, inoltre si può trasmettere da contatto a contatto, ad esempio si può insinuare nella chat, quindi se chattate con un amico “infetto” potreste essere infettati anche voi.”
La raccomandazione è la solita: gli utenti sono invitati a non cliccare su link strani e ad installare un antivirus che possa proteggere i loro computer. Trattandosi di un virus “sociale”, inoltre, la Polizia di Stato invita le persone a fare del passaparola ed a condividere il post, in modo tale che la notizia venga letta da tutti gli amici o parenti. 

Quanto è interessante?
0