FAPAV e pirateria: nel 2018 bloccati 117 siti, occhi su IPTV e CamCording

FAPAV e pirateria: nel 2018 bloccati 117 siti, occhi su IPTV e CamCording
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Si è tenuta l'assemblea ordinaria della Federazione Italia per la Tutela dei Contenuti Audiovisivi e Multimediali, che ha tracciato il bilancio dell'attività per il 2018 ed annunciato gli obiettivi per il prossimo anno.

Nel 2018 sono stati complessivamente bloccati 117 siti web che condividevano illecitamente opere coperte dal diritto d'autore, il tutto grazie alle nuove procedure che consentono di identificare e bloccare più rapidamente le pagine pirata: “Le recenti modifiche introdotte nel Regolamento consentono in alcuni casi di velocizzare le procedure di blocco ordinate dall’Autorità. In questi ultimi mesi la Federazione ha intensificato l’utilizzo di questo strumento ottenendo nel 2018 il blocco di 117 siti”, ha specificato il Segretario Generale.

All'attività di collaborazione con le forze dell'ordine si è aggiunta anche la rimozione selettiva di contenuti audiovisivi caricati illecitamente su cyberlocker e piattaforme UGC, oltre che l'attività di delisting dai principali motori di ricerca. A tal proposito, Bagnolo Rossi ha affermato che “negli ultimi anni abbiamo ottenuto la rimozione di migliaia di link cyberlocker, video su piattaforme UGC e pagine delistate dai motori di ricerca. Si tratta di un’attività costante che svolgiamo con estrema precisione, seguendo le policy dei nostri Associati, e con particolare attenzione alle nuove uscite cinematografiche e televisive, coadiuvati anche dal nostro software Paladin”.

La parola è poi passata alle priorità per il prossimo anno. La Federazione ritiene infatti necessario un iasprimento della normativa sul camcording (la registrazione integrale dei film nelle sale), che rappresenta ancora oggi la fonte primaria per le uscite cinematografiche. A ciò si aggiunge anche lo spinoso tema dell'IPTV, tornato di nuovo in auge dopo che un recente studio ha mostrato che 4.6 milioni di persone guardino in Italia contenuti sportivi pirata: tra le priorità del nuovo anno vi è un rafforzamento delle attività di enforcement di contrasto a questo specifico fenomeno.

L'assemblea è stata anche l'occasione per dare il benvenuto in federazione a DAZN Italia, che dal mese di Gennaio entrerà nella FAPAV.

Quanto è interessante?
3