Festeggiamenti in tempo di guerra: La storia del Giorno della Vittoria in Russia

Festeggiamenti in tempo di guerra: La storia del Giorno della Vittoria in Russia
di

Victory Day è sempre una grande festa in Russia: segna la vittoria dell'Unione Sovietica sulla Germania nazista nella Seconda guerra mondiale, un conflitto durante il quale morirono più di 8 milioni di soldati sovietici.

Ma quest'anno, mentre la guerra della Russia contro l'Ucraina continua, la giornata assumerà un nuovo significato. Da quando la Russia ha invaso l'Ucraina il 24 febbraio, si è ipotizzato se il Giorno della Vittoria segnerà un punto di svolta nella guerra che ha già ucciso migliaia di persone e costretto milioni di persone a fuggire dalle loro case.

A marzo, il Kyiv Independent ha riferito che alle truppe russe era stato detto che la guerra doveva finire entro il 9 maggio. Ma il 1° maggio, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha dichiarato: "I nostri militari non adatteranno artificialmente le loro azioni a nessuna data, incluso il Giorno della Vittoria", ha riferito il Moscow Times.

"Celebreremo solennemente il 9 maggio, come facciamo sempre", ha continuato Lavrov. "Ricordate coloro che si innamorarono della liberazione della Russia e di altre repubbliche dell'ex Unione Sovietica, per la liberazione dell'Europa dalla peste nazista".

La Seconda guerra mondiale ha plasmato l'approccio di Putin alla guerra Russia-Ucraina: nel giustificare l'invasione dell'Ucraina, ha affermato di aver deciso di "denazificare" il paese, una frase che molti esperti hanno notato essere imprecisa in questo contesto dato che l'Ucraina ha un presidente ebreo.

Mentre gli alleati celebravano il 7 maggio come il "VE Day" - la Giornata della Vittoria in Europa - per commemorare la resa dei nazisti a Reims, in Francia, il leader sovietico Joseph Stalin voleva aspettare per festeggiare fino alla resa dei nazisti nella Berlino controllata dai sovietici il giorno successivo. Quando il testo è stato firmato a tarda notte, era già il 9 maggio, ora di Mosca.

Come precedentemente riportato dal TIME, negli anni '60 il leader sovietico Leonid Brezhnev fece del 9 maggio una festa nazionale, completa di parate militari. Il primo presidente post-sovietico della Russia, Boris Eltsin, li ha trasformati in una tradizione annuale; sotto Putin, centinaia di migliaia di spettatori si sono radunati per assistere alla marcia del personale militare a fianco di carri armati e missili. Cartelloni pubblicitari e autobus hanno presentato poster di Stalin per il Giorno della Vittoria. Decine di milioni di cittadini russi hanno marciato a Mosca portando i ritratti dei parenti morti nella Seconda guerra mondiale.

FONTE: TIME
Quanto è interessante?
3