La fibra di Open Fiber aiuterà a studiare i terremoti: è la prima sperimentazione al mondo

La fibra di Open Fiber aiuterà a studiare i terremoti: è la prima sperimentazione al mondo
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Terremoti e fibra ottica. Un binomio che potrebbe aiutare a comprendere ed interpretare meglio le onde sismiche, grazie al "Progetto Meglio" lanciato da Open Fiber in collaborazione con INGV, INRiM, Bain & Company e Metallurgica Bresciana. Si tratta di un unicum assoluto a livello mondiale.

Open Fiber osserva che Progetto Meglio rappresenta un programma scientifico tutto italiano, che mira a realizzare un sistema innovativo di monitoraggio delle onde sismiche attraverso il Fiber Sensing, che permette di effettuare misurazioni continue in tempo reale su tutta la lunghezza di un cavo di fibra ottica.

Mai prima d'ora erano state utilizzate le fibre ottiche in un contesto terrestre per monitorare i terremoti. Il contesto terrestre, osserva Open Fiber, è complesso in quanto "ricco di rumore antropico" in quanto situato in ambienti urbani e su rete commerciali che trasportano in simultanea i dati provenienti dallo scambio di informazioni attraverso internet.

I sensori laser interferometrici sono stati inseriti a giugno 2021 sulla fibra ottica che collega Teramo ed Ascoli Piceno. I sensori avrebbero già prodotto un'interessante quantità di dati a disposizione sui server di Open Fiber e già sotto analisi di Bain&Company che, utilizzando degli algoritmi matematici, sta ripulendo dal rumore per metterli a disposizione di INGV.

I sensori montati sulla dorsale sono caratterizzati da un nuovo sistema di raccolta dati. La sperimentazione si concluderà quest'anno, ma Open Fiber ha spiegato che qualora i test dovessero dare esito positivo, i sensori saranno applicati sull'intera rete.

Nel frattempo, Open Fiber ha confermato le intenzioni di portare la fibra in tutta italia.

FONTE: OpenFiber
Quanto è interessante?
1