Firefox sta testando la possibilità di inserire la pubblicità nel browser

Firefox sta testando la possibilità di inserire la pubblicità nel browser
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Prove di pubblicità su Firefox, il browser di Mozilla. Un test comparso di recente ha mandato su tutte le furie gli utenti del browser, è dalla versione 60 del programma che si parlava di questa ipotesi, ma fino ad oggi non era ancora stata implementata. Ovviamente, la scelta non è ancora definitiva.

Alcuni utenti, all'apertura di una nuova scheda, hanno notato per la prima volta una feature inedita: la possibilità di cercare un hotel tramite Booking mediante un tasto ad hoc. Ma come, Mozilla, che ha basato il suo successo sulla totale trasparenza con i suoi utenti, e che di recente ha fatto i miracoli per recuperare terreno su Chrome, si mette a monetizzare cedendo spazi pubblicitari ad aziende terze, e per giunta senza degnarsi di avvisare i suoi utenti?

E non è che, non sia mai, questa funzione apparentemente innocente nasconde pure una campagna di collezione dei dati dei suoi utenti, a fine di profilazione e cessione ad altre aziende?

Ovviamente non è così, e Mozilla ha già prontamente risposto alle accuse dei suoi stessi utenti. Tanto per iniziare, è vero che il test è stato avviato senza annunci particolarmente sbandierati, e questo è sicuramente grave per una realtà come quella della fondazione del panda rosso, ma va sottolineato che già nell'aggiornamento alla versione 60 di Firefox si parlava della possibilità di inserire dei contenuti in partner. Eppure si è dovuto aspettare la versione 64 prima di vedere qualcosa di concreto.

Quanto alle accuse di voler vendere spazi pubblicitari o di collezionare i dati degli utenti, è arrivata una sonora smentita. L'azienda ha voluto creare un esperimento mirato andando a fornire ai suoi utenti delle offerte selezionate da un partner specifico —ha spiegato un portavoce, implicitamente smentendo l'ipotesi di un futuro mercato delle vacche per aggiudicarsi spazi sul browser da parte di chicchessia. Quanto ai dati, Mozilla ha spiegato pure che nessuna informazione viene presa fin tanto che l'utente non scelga di accedere al servizio offerto dal partner.

Per evitare di ricevere offerte come questa, ad ogni modo, basta disattivare gli Snippet dalle opzioni del browser. Nulla di grave, dunque. Firefox rimane a suo modo un'oasi felice, che mette al centro il rispetto per i suoi utenti. Certo, spiegare la cosa prima, senza dover correre ai ripari poi, sarebbe stato più saggio.

Quanto è interessante?
2