Foto di gruppo dei satelliti di Saturno. Scatto della sonda spaziale Cassini

Foto di gruppo dei satelliti di Saturno. Scatto della sonda spaziale Cassini
di

I risultati del lungo e duro lavoro degli scienziati che hanno lavorato alla missione Cassini-Huygens continuano a farsi vedere nelle splendite foto che i dati dell'orbiter spaziale ci forniscono. I protagonisti del nuovo scatto di Cassini sono 5 dei satelliti naturali di Saturno e una parte dei suoi anelli.

Il 29 luglio 2011 Cassini ha ripreso le cinque lune che potete osservare in fondo alla news tramite la narrow-angle camera: lo scatto venne pubblicato all'epoca, ma lo scorso 30 luglio la NASA lo ha riproposto in una sua versione più dettagliata.

All'estrema sinistra trovate Giano, lungo 179 chilometri. Pandora, con il suo diametro di 81 chilometri, sta orbitando dietro l'anello F visibile al centro dell'immagine. Il famoso Encelado, 509 chilometri di diametro, appare poco sopra il centro, parzialmente in penombra.

La seconda luna più grande del sistema Saturno è Rea, di 1528 chilometri di diametro, tagliata a metà dal bordo dell'immagine stessa, esattamente al centro. L'ultima luna rimasta è Mima, con i suoi 396 chilometri di diametro: la potete vedere che sporge dietro Rea, alla sua sinistra.

Gli anelli sono dietro Rea e Mima, mentre i restanti satelliti si trovano dietro gli anelli.

La missione Cassini si è conclusa il 15 settembre 2017 con la distruzione della sonda spaziale sull'atmosfera di Saturno. Le tappe più importanti del viaggio della sonda spaziale Cassini le trovate negli speciali sul suo ultimo bacio a Titano, insieme a quelle sul mondo acquatico sotto la crosta ghiacciata di Encelado, sulla particolare illusione ottica generata sui suoi anelli, sulla decisione della NASA di distruggere la sonda, su un piccolo riassunto delle scoperte più rilevanti e i suoi ultimi istanti di vita. Nell'ultimo link trovate invece l'ultima immagine pubblicata dalla NASA riguardanti Titano.

Quanto è interessante?
7
Foto di gruppo dei satelliti di Saturno. Scatto della sonda spaziale Cassini