Questo gas nell'atmosfera di un pianeta può essere un buon segno di vita

Questo gas nell'atmosfera di un pianeta può essere un buon segno di vita
di

Gli scienziati oggi stanno scrutando il cosmo come non mai alla ricerca di possibili forme di vita oltre a noi. Pensate che, ad oggi, 4.375 esopianeti (pianeti all'infuori del nostro Sistema Solare) sono stati confermati in 3.247 sistemi, con altri 5.856 candidati in attesa di conferma. Questo numero è destinato ad aumentare esponenzialmente.

Gli esperti stanno quindi lavorando a dei metodi per identificare potenziali "firme biologiche", che si riferiscono a composti e processi chimici associati alla vita, come ossigeno, anidride carbonica e, ovviamente, anche l'acqua.

Tuttavia, secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista Astrobiology e condotto dagli scienziati del Massachusetts Institute of Technology (MIT), dovremmo cercare anche un'altra firma biologica: un idrocarburo chiamato isoprene (C5H8).

Il gas è un "cugino" del metano che viene prodotto come metabolita secondario da varie specie qui sulla Terra. L'isoprene è prodotto anche da una vasta gamma di organismi come batteri, piante e animali. Questa sua caratteristica lo rende molto importante come potenziale firma biologica. "L'isoprene è promettente perché è prodotto in vaste qualità dalla vita sulla Terra, tanto quanto la produzione di metano", afferma Sara Seager, professoressa di fisica e scienze planetarie del MIT.

Secondo quanto scoperto, un pianeta dove la vita sta cominciando a emergere avrebbe grandi quantità di isoprene nella sua atmosfera. Ad aiutare nella ricerca di questi mondi sarà il telescopio spaziale James Webb e gli altri telescopi di prossima generazione, come l'Extremely Large Telescope (ELT), il Giant Magellan Telescope (GMT) e il Thirty Meter Telescope (TMT).

Grazie a questi strumenti l'umanità esplorerà il cosmo come non ha mai fatto prima d'ora.

Quanto è interessante?
2