Fu il ghiaccio, non l'acqua, a scolpire le maestosi valli di Marte, secondo uno studio

Fu il ghiaccio, non l'acqua, a scolpire le maestosi valli di Marte, secondo uno studio
di

Una nuova ricerca pubblicata su Nature Geoscience suggerisce che molte delle valli del Pianeta Rosso siano state scavate da ghiacciai e non dai fiumi. Questo nuovo studio mette in dubbio una teoria principale secondo cui il pianeta, molto tempo fa, fosse dotato di un clima caldo e umido con abbondante acqua liquida sulla sua superficie.

Esaminando più di 10.000 vallate marziane, i ricercatori le hanno poi confrontate con i canali sulla Terra che sono stati scolpiti dai ghiacciai. "Negli ultimi 40 anni, da quando sono state scoperte le valli di Marte, si supponeva che i fiumi un tempo scorressero su Marte, erodendo e originando tutte queste valli", afferma l'autore principale dello studio Anna Grau Galofre.

I ricercatori hanno scoperto somiglianze tra alcune valli marziane e i canali subglaciali di Devon Island, nell'Artico canadese, soprannominato "Marte sulla Terra" per via delle sue condizioni sterili e gelide. Il luogo, inoltre, ha ospitato in passato anche missioni di addestramento spaziale della NASA.

Alcune valli marziane potrebbero essere state formate circa 3.8 miliardi di anni fa dall'azione dell'acqua in fusione sotto le calotte glaciali. "I risultati dimostrano che solo una frazione delle reti a valle corrisponde a schemi tipici dell'erosione delle acque superficiali, che è in netto contrasto con la visione convenzionale", continua il coautore dello studio Mark Jellinek. Questa comprensione delle condizioni climatiche di Marte è importante poiché solo così possiamo determinare l'antica abitabilità del pianeta.

Le temperature ghiacciate avrebbero potuto sostenere meglio la vita antica, secondo i ricercatori. "Una lastra di ghiaccio darebbe maggiore protezione e stabilità alle acque sottostanti, oltre a fornire riparo dalle radiazioni solari in assenza di un campo magnetico". Un mistero che potremmo presto risolvere grazie al rover Perseverance, che ha l'obiettivo di cercare segni dell'antica vita microbica sul Pianeta Rosso.

FONTE: space
Quanto è interessante?
4