Il Giappone sembra aver deciso: scaricherà in mare l'acqua della centrale di Fukushima

Il Giappone sembra aver deciso: scaricherà in mare l'acqua della centrale di Fukushima
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Il governo giapponese ha confermato (proprio venerdì scorso) che alla fine scaricherà in mare l'acqua radioattiva immagazzinata nel sito della centrale nucleare di Fukushima Daiichi. L'annuncio arriva dopo anni di dibattiti sulla gestione dell'acqua contaminata che si accumula nel sito della centrale.

Lo scarico inizierà probabilmente entro il 2022, secondo quanto riferisce l'Agence France-Presse. In questa data i serbatoi d'acqua dell'impianto raggiungeranno la loro capacità e trabocceranno da soli. Ci sono altre opzioni praticabili possibili, come ad esempio continuare a costruire serbatoi di stoccaggio per l'acqua e tenerla fin quando non diventa meno radioattiva.

Secondo i funzionari giapponesi scaricare l'acqua è la migliore linea d'azione possibile. "Non possiamo posticipare una decisione sul piano per affrontare l'acqua trattata, per evitare ritardi nel lavoro di disattivazione della centrale nucleare di Fukushima Daiichi", ha dichiarato il segretario capo del governo Katsunobu Kato in una conferenza stampa.

Il processo di scaricamento non avverrà istantaneamente: potrebbe richiedere decenni. Gli esperti hanno avvertito che l'acqua è troppo pericolosa per essere scaricata direttamente in mare, quindi verrà diluita con acqua pulita prima di essere smaltita una volta per tutta. Nei prossimi 30 anni, infatti, l'acqua continuerà a essere filtrata, diluita e gradualmente rilasciata, un processo che secondo i funzionari è sufficiente per portarla a un livello di radioattività sicuro.

Per quanto riguarda la delicata questione, qui ve ne abbiamo parlato in modo approfondito.

FONTE: techxplore
Quanto è interessante?
5