Il Giappone vuole costruire una base sulla Luna utilizzando dei robot

Il Giappone vuole costruire una base sulla Luna utilizzando dei robot
di

La colonizzazione della Luna è uno dei passi fondamentali per l'inizio dei viaggi interplanetari ed una base funzionante sul satellite potrebbe avere molti vantaggi. L'agenzia spaziale giapponese vuole provarci utilizzando dei robot.

Questo è l'obiettivo del Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA), della società di costruzioni Kajima Corp. e di tre università giapponesi: Shibaura Institute of Technology, The University of Electro-Communications e l'Università di Kyoto. Sicuramente l'impresa non è per nulla facile, per questo motivo hanno già iniziato a sperimentare la costruzione automatizzata qui sulla Terra.

Tre escavatori di 7 tonnellate hanno condotto delle prime operazioni autonomamente, come guidare fino ad una distanza specifica o ripetere fasi di routine. Le operazioni che hanno richiesto una maggiore maneggevolezza, sono state però eseguite da un umano attraverso un telecomando.

Per riuscire nell'impresa gli escavatori sono stati modificati con strumenti di rilevamento e console di controllo automatico del funzionamento, per stabilire autonomamente la loro posizione e direzione nello spazio.

I tre mezzi saranno comunque monitorati dalla Terra e, in caso di intervento umano, il segnale arriverà con un ritardo di circa 2 secondi. Costruire una base richiederà diversi lavori di preparazione del sito: scavi, installazione del modulo e la schermatura con polvere lunare (regolite) per proteggere gli esseri umani dalle radiazioni e dai possibili meteoriti.

Insomma, la NASA ha intenzione di mandare l'uomo sulla Luna nel 2024, mentre una missione per Marte è segnata per il 2033; i prossimi anni saranno fondamentali per l'inizio dell'esplorazione spaziale.

FONTE: space.com
Quanto è interessante?
8