Questo giovane cranio ci dà nuove informazioni su una misteriosa specie di ominidi

Questo giovane cranio ci dà nuove informazioni su una misteriosa specie di ominidi
di

Sulla rivista PaleoAnthropology sono state pubblicate delle nuove ricerche riguardanti una scoperta di frammenti del cranio di un bambino in una grotta in Sud Africa. La cosa interessante è che la scoperta ha riaperto la speculazione secondo cui gli antenati umani prestavano particolare attenzione ai loro morti.

In particolare, il sistema di grotte in cui è stato effettuato il ritrovamento - chiamato Rising Star Cave - potrebbe essere il luogo in cui per la prima volta questi ominidi seppellirono i loro morti. L'idea è sempre stata dibattuta, ma la nuova scoperta di alcuni pezzi di un teschio infilati in una fessura potrebbero convincere gli esperti a prendere sul serio questa possibilità.

I frammenti scoperti appartengono a un giovane di Homo naledi, ominidi estinti esistiti in un periodo compreso tra 335.000 e 236.000 anni fa. Quasi 2.000 frammenti di osso sono stati scoperti dai sedimenti della Rising Star Cave e da questi si possono trarre alcune ipotesi: la specie aveva un cervello arcaicamente piccolo e la corporatura robusta di un Australopithecus, con alcune caratteristiche degli homo più moderni.

Dalla pubblicazione di uno studio del 2016 sulla rivista American Association of Physical Anthropologists nel 2016, il parere degli antropologi sulla pratica di seppellimento dei morti da parte dei naledi è sempre stato diviso: alcuni pensavano fosse possibili altri, invece, no. Lo stesso Lee Berger, paleontologo dell'Università del Witwatersrand che ha guidato la scoperta, non voleva trarre conclusioni affrettate.

Oggi, però, Berger e il suo team hanno ora pubblicato un nuovo studio sulla scoperta di un cranio del giovane Homo naledi. Rispetto a fossili simili, i denti del cranio lo collocano nella categoria dei "primi giovani"... anche se il cervello, stimato tra i 480 e i 610 centimetri cubi di volume, sarebbe stato quasi completamente cresciuto. In confronto il cervello degli esseri umani supera i 1.000 centimetri cubi. A proposito, recentemente è stata effettuata una terribile scoperta riguardo a degli scheletri di bambini in Perù.

Come c'è arrivato il corpo dell'ominide - chiamato Leti - all'interno delle grotte? La scoperta apre la possibilità che sia stato messo lì di proposito, come una sorta di "atto funebre". Sappiamo, ad esempio, che anche i Neanderthal seppellivano i loro morti. Il corpo è stato trovato all'interno di uno spazio di soli 15 centimetri di larghezza e 80 centimetri di profondità. Inoltre non è stato trovato alcun segno di predazione o dell'influenza dell'acqua... è difficile quindi immaginare che non sia stato messo lì di proposito.

Anche resti di altri animali sono stati trovati all'interno della grotta, ma mai all'interno degli stessi luoghi dove sono state trovate le ossa degli ominidi. "La scoperta di un singolo teschio di un giovane, in una posizione così remota all'interno del sistema di grotte, aggiunge mistero su come questi numerosi resti siano venuti a trovarsi in questi spazi remoti e oscuri del sistema Rising Star Cave", afferma infine Berger. "È solo un altro enigma tra i tanti che circondano questo affascinante parente umano estinto".

Quanto è interessante?
4