Giove: JUNO riesce ad osservare un treno di onde sulla superficie

Giove: JUNO riesce ad osservare un treno di onde sulla superficie
di

JunoCam è riuscita a scorgere con incredibile dettaglio le piccole creste dei cosidetti "treni di onde" come mai era stato possibile in passato. Questa ricerca fornisce preziose informazioni sia sulle dinamiche dell'atmosfera di Giove che sulla struttura del pianeta nelle regioni al di sotto delle onde.

Quelle visibile nell'immagine in calce sono raffiche in movimento che appaiono come onde nell'atmosfera di Giove. In passato furono già rilevate dalle missioni Voyager della NASA, durante i loro flyby attorno al gigante gassoso: Era il 1979. Adesso la telecamera JunoCam a bordo della sonda Juno della NASA ha fatto di più. I dati di JunoCam hanno rilevato treni d'onda atmosferici, strutture atmosferiche poste molto in alto nell'atmosfera e che si susseguono una dopo l'altra mentre si spostano per il pianeta, anche se sono maggiormente concentrate nei pressi dell'equatore di Giove.

"JunoCam ha contato più treni d'onda distinti di qualsiasi altra missione spaziale dalla Voyager", ha detto Glenn Orton, uno scienziato di Juno del Jet Propulsion Laboratory della NASA a Pasadena, in California. "I treni, che consistono di un minimo di due onde e di diverse dozzine, possono avere una distanza tra le creste piccole come circa 65 chilometri e grandi circa 1.200 chilometri. La struttura ondulatoria nell'immagine ci ha permesso di stimare l'altezza di un'onda: circa 10 chilometri di altezza".

"Le onde possono apparire vicine ad altre caratteristiche atmosferiche gioviane, vicino a vortici o lungo le linee di flusso, mentre altre non mostrano alcuna relazione con entità nelle vicinanze", prosegue Orton. "Alcuni treni d'onda appaiono come se convergessero, e altri sembrano sovrapporsi, possibilmente a due diversi livelli atmosferici: in un caso, i fronti d'onda sembrano irradiarsi verso l'esterno dal centro di un ciclone".

Sebbene l'analisi sia in corso, pare che siano onde che si formano nell'atmosfera ma al di sopra di qualcosa che disturba il flusso dell'aria, come un temporale, o comunque qualche altro "disturbo" che JunoCam non riesce a rilevare.

JunoCam è una telecamera che cattura la luce visibile a colori con un ottica grandangolare, capace di scattare immagini straordinarie dei poli di Giove e delle nuvole. Sono molte le immagini scattate in questi anni.

La missione JUNO è partita il 5 agosto 2011 da Cape Canaveral, in Florida, ed è arrivata in orbita attorno a Giove il 4 luglio 2016. Ad oggi, ha completato 15 passaggi su Giove ed il sedicesimo passaggio è previsto per il prossimo 29 ottobre.

FONTE: phys
Quanto è interessante?
9
Giove: JUNO riesce ad osservare un treno di onde sulla superficie