Giove: la sonda spaziale Juno entrerà presto nell'orbita del pianeta

di

Mentre leggete questo articolo la navicella spaziale Juno si trova a circa 30 milioni di chilometri dal pianeta Giove. La sonda, partita cinque anni fa, ha percorso quasi 3 miliardi di chilometri in cinque anni ed il prossimo 4 luglio dovrebbe arrivare nell'orbita del pianeta.

L'obiettivo principale di Juno è studiare le origini del gigante gassoso ed a tale scopo analizzerà da vicino l'atmosfera di Giove. La quantità di acqua ed ammoniaca che circonda il pianeta può indicare agli astronomi quale delle teorie sulla formazione di Giove risulta avere più senso.
La navicella studierà anche i campi magnetici e gravitazionale per cercare di capire se il pianeta ha anche un nucleo solido e quanto potrebbe essere grande quest'ultimo.
Juno ha una dotazione a bordo composta da nove strumenti ad alta precisione, tra cui una fotocamera a colori (JunoCam) che permetterà di realizzare foto delle regioni polari di Giove come mai successo fino ad ora.
La sonda, che misura 3 metri in altezza per 20 di larghezza, ruoterà nell'orbita di Giove in maniera costante, ciò permette di controllare la sonda stessa in maniera più agevole ed assicura che tutti gli strumenti sino puntati correttamente verso la superficie. Juno ruota circa tre volte al minuto, ciò vale a dire che gli strumenti indicheranno il pianeta 400 volte ogni due ore.
La NASA ha indetto una conferenza stampa per il prossimo 16 di giugno in cui si metterà alla luce la concomitanza dell'arrivo della sonda con la celebrazione dei 240 dalla Dichiarazione d'Indipendenza degli Stati Uniti.

FONTE: The Verge
Quanto è interessante?
0