Gli adblock costeranno agli editori 27 miliardi di Dollari entro il 2020

di

Già da qualche anno, i nemici numero uno degli editori online sono i vari plugin che consentono di bloccare le pubblicità dalle pagine web. Molti siti, infatti, si sorreggono autonomamente sugli spot, ed il blocco di questi provoca un calo delle entrate.

Secondo una ricerca condotta da alcuni siti, entro il 2020 gli adblock costeranno agli editori fino a 27 miliardi di Dollari. Lo studio ha rilevato che gli editori più piccoli sono più a rischio, ma il fattore più preoccupante è dato dal fatto che l'utilizzo di plugin come Adblock Plus ed Adblock è più veloce del previsto, e le continue ricerche in corso serviranno a rendere queste estensioni per i browser ancora più sofisticate e quindi difficili da aggirare.
Allo stato attuale, infatti, l'adblocking è limitato alle sole attività di browsing, ma secondo il rapporto i software potranno presto contrastare anche gli annunci in-app, andandosi quindi a posizionare in un mercato che si sorregge per la maggiore sulle pubblicità.
Apple inoltre ha introdotto anche il blocco in iOS 9, rendendo ancora più facile per i possessori di un iPhone bloccare gli annunci, e lo stesso vale anche per Android.
Google starebbe al lavoro su una politica diversa per annunci, ma ancora non è stato svelato nulla. Di recente, inoltre, Microsoft ha aggiunto il supporto ad estensioni come Adblock ed Adblock Plus nel nuovo browser per Windows 10, Microsoft Edge, dando un'ulteriore spinta a questo mercato.

FONTE: Adnews
Quanto è interessante?
0