Gli operatori telefonici si adeguano all'Antitrust: niente aumenti alle tariffe

di

Gli operatori italiani telefonici, sulla scia di quanto fatto da Vodafone a seguito della sospensione degli aumenti delle tariffe mensili, hanno deciso di adeguarsi ai provvedimenti dell'Antitrust.

Secondo quanto riportato da Repubblica, infatti, a Vodafone e Fastweb si starebbero per aggiungere anche altre compagnie telefoniche.

TIM, dal suo canto, avrebbe fatto sapere che "pur non condividendo il merito del provvedimento cautelare Antitrust" diffuso qualche giorno fa, "sta mettendo in campo tutte le misure necessarie per ottemperare e differenziare ulteriormente le offerte sia fisse sia mobili".

Discorso diverso per Wind Tre che, a giudicare da quanto appreso dal famoso quotidiano nazionale, non starebbe mettendo in campo nessun tipo di rincaro per dieci milioni di utenti, mentre per gli altri gli eventuali aumenti al prezzo non dovrebbero superare il 5,6 per cento. La situazione però sarà chiara solo nel prossimo mese di Aprile, quando si dovranno adeguare per forza di cose al nuovo sistema di fatturazione previsto dal Governo Gentiloni ed il Ministro per lo Sviluppo Economico, Carlo Calenda, che ha di fatto mandato in pensione il vecchio sistema a ventotto giorni.

La palla a questo punto passerà nuovamente all'Antitrust, che avrà il difficile compito di valutare se gli operatori hanno portato a termine i compiti assegnati o meno. Un eventuale giudizio negativo però potrebbe portare ad una nuova serie di multe.

FONTE: Repubblica
Quanto è interessante?
5

Gli ultimi Smartphone, TV 4K o gli accessori più GEEK li trovate in offerta su Amazon.it