Gli slot eSIM dei nuovi iPhone potrebbero seriamente danneggiare gli operatori telefonici

Gli slot eSIM dei nuovi iPhone potrebbero seriamente danneggiare gli operatori telefonici
di

Grazie ai vari rumor e leak apparsi in rete, pare che i nuovi iPhone che Apple presenterà a settembre non abbiano più alcun segreto, anche se una delle loro presunte caratteristiche potrebbe cambiare le carte in tavola e danneggiare seriamente il volume d'affari degli operatori telefonici: si tratta degli slot eSIM.

Il colosso di Cupertino dovrebbe infatti svelare al pubblico un iPhone X Plus, equipaggiato con iOs 12 e 4GB di RAM, una nuova versione dell'iPhone X ed un nuovo device "low cost" da 6.1 pollici, dotato di schermo LCD e di un design molto simile a quello del top di gamma X. Tutti e tre questi modelli dovrebbero essere accomunati da una feature che impensierisce gli operatori: l'assenza dello slot per la SIM, e quindi la fine dell'era delle schede SIM, a favore del formato eSIM.

Una tecnologia che Apple ha già sfruttato in passato, in particolare nella sua linea Apple Watch, e che potrebbe allontanare progressivamente gli utenti dagli operatori "canonici" per avvicinarli sempre di più ad un ipotetico carrier online controllato da Apple stessa. Uno scenario di questo tipo implica che i futuri acquirenti, soprattutto quelli interessati ai finanziamenti, non debbano più scegliere prima l'operatore dal quale comprare lo smartphone e poi il modello desiderato; potrebbero semplicemente acquistare il telefono ed avere più libertà nello scegliere l'operatore. Sempre che Apple non monopolizzi il mercato con un proprio provider: in quel caso la scelta sarebbe obbligatoria.

Nel frattempo in Italia hanno appena fatto il loro debutto Iliad, ho. e Kena, tre operatori low cost dalle offerte molto interessanti.

FONTE: SlashGear
Quanto è interessante?
6

Le migliori custodie per iPhone in vendita su Amazon, personalizza il tuo smartphone con custodie integrali e bumper per tutti i modelli.

Gli slot eSIM dei nuovi iPhone potrebbero seriamente danneggiare gli operatori telefonici