Google, Amazon, Facebook ed Apple sotto indagine negli USA, crollo a Wall Street

Google, Amazon, Facebook ed Apple sotto indagine negli USA, crollo a Wall Street
di

Lunedì da dimenticare per i giganti della Silicon Valley a Wall Street. Dopo Google, infatti, anche Apple, Facebook ed Amazon sono finite sotto accusa da parte delle autorità americane, e le notizie hanno avuto ripercussioni importanti anche in borsa.

Gli investitori evidentemente si sono interrogati sul ruolo che avranno nell'economia americana le quattro società, in particolar modo Facebook che negli ultimi tempi è stata costantemente sotto pressione a causa delle dichiarazioni arrivate da ex dipendenti e politici americani che hanno richiesto un ridimensionamento del potere di Mark Zuckerberg.

Complessivamente, il listino del Nasdaq (in cui confluiscono tutti i titoli tecnologici di Wall Street) ha chiuso in perdita, ad un mese esatto dal suo massimo storico.

Alphabet, la holding che controlla le attività di Google, ha perso il 6,5%. Le motivazioni sono da ricercare nelle indiscrezioni arrivate venerdì scorso secondo cui l'Antitrust Americano starebbe vagliando l'ipotesi di aprire un fascicolo sulla società.

Amazon, che a quanto pare potrebbe essere oggetto di inchiesta da parte della Federal Trade Commission, ha perso il 3,2%, mentre Facebook (anch'essa sotto la lente della FTC per presunte pratiche monopolistiche) è arrivata a perdere addirittura il 7,3%.

Brutte notizie anche per Apple. Mentre il colosso di Cupertino presentava al mondo il nuovo iOS 13 e macOS, è arrivata l'indiscrezione secondo cui la società potrebbe essere oggetto di indagine dell'Antitrust. Il titolo ha chiuso in perdita dell'1,01%.

Quanto è interessante?
4