Google annuncia My Ad Center: la pubblicità diventa controllata dagli utenti

Google annuncia My Ad Center: la pubblicità diventa controllata dagli utenti
di

In seguito alle novità svelate da Google in ambito di AR e telepresenza, sul palco dello Shoreline Amphitheater, che fa da cornice all'edizione 2022 dell'evento Google I/O, si è arrivati a fare riferimento alle pubblicità. Più precisamente, BigG ha ufficializzato My Ad Center.

Infatti, nel corso della diretta YouTube legata al canale di Google è stato svelato che BigG ha intenzione di lanciare la possibilità per gli utenti di controllare la pubblicità legata ai servizi Google. In parole povere, si intende fornire agli utenti la possibilità di scegliere aree di interesse (rimuovendo anche determinate categorie) per fornire agli algoritmi dettagli più precisi su quanto appare nella pubblicità personalizzata. Inoltre, l'obiettivo è quello di fornire agli utenti maggiori informazioni su quanto visto, ad esempio, su YouTube. Come funzionerà tutto ciò all'atto pratico? Staremo a vedere.

Al netto di questo, nell'ambito dell'edizione 2022 del Google I/O è stata svelata l'esistenza di un tool che consentirà agli utenti di controllare ulteriormente la loro identità online. Per intenderci, si fa riferimento alle informazioni sulle persone che compaiono nelle ricerche di Google. Nel caso ci sia qualche indicazione "di troppo", i diretti interessati potranno adesso farla rimuovere in modo più rapido e tenere traccia al meglio delle richieste effettuate.

Per il resto, durante l'evento sono arrivati anche altri reveal, ad esempio è stata annunciata l'interessante funzionalità Immersive View di Google Maps e non è mancata una sezione dedicata alle questioni di sicurezza (ad esempio, si è fatto riferimento a protezioni legate alle carte di credito e all'arrivo di sistemi di sicurezza relativi al fenomeno del phishing su Google Documenti e altri servizi, nonché al futuro senza password visto da Google e non solo).

Quanto è interessante?
2
Google annuncia My Ad Center: la pubblicità diventa controllata dagli utenti