di

Google starebbe lavorando per rendere la navigazione web da Chrome più veloce. Gli sviluppatori infatti stanno sperimentando una nuova "cache back / forward" che potrebbe velocizzare il caricamento delle pagine web.

In un post pubblicato su Google Developers, Addy Osmani, direttore tecnico di Chrome, ha scritto che "stiamo esplorando una nuova cache di back / forward per memorizzare nella cache le pagine in memoria (preservando i Javascript e DOM) quando l'utente esce". Secondo lo sviluppatore, questo sistema potrebbe velocizzare la navigazione in particolare quando si passa tra una pagina e l'altra.

In poche parole, quando si cliccherà su un link presente in una pagina, la funzione manterrà la pagina originale congelata in memoria. Se si preme indietro, la pagina precedentemente "congelata" verrà ripristinata all'istante, facilitando quindi l'accesso. Il team di Chrome sostiene che questo sistema potrebbe migliorare le prestazioni fino al 19% in fase di navigazione, anche da mobile.

Chrome non è l'unico browser a sperimentare questo concept. Firefox di Mozilla ha utilizzato il caching back / forward in Firefox 1.5, che è stato lanciato nel 2005, ma sembra essere stato disabilitato sui siti HTTPS. Safari invece l'ha introdotto nel 2009.

Allo stato attuale la funzionalità è ancora nelle fase preliminari dello sviluppo, ed il team sta affrontando non pochi problemi di sicurezza e compatibilità.

FONTE: AP
Quanto è interessante?
4