Google ci riprova con i social network: ecco Spaces, la chat di gruppo per interessi specifici

di

Sono pochissimi quelli che usano il primo social network creato da BigG, Google+, ed il progetto in se può considerarsi più che un mezzo passo falso. Non memore di questa esperienza il colosso di Mountain View ha annunciato stamattina la nascita di Spaces: app che permette di condividere contenuti specifici in piccoli gruppi.

Il servizio, disponibile per desktop, iOS ed Android, permette di creare gruppi "tematici" in cui condividere idee ed argomenti. Queste group chat nascono per consentire agli utenti di approfondire i temi a cui sono interessati, senza dover necessariamente usare più applicazioni diverse.
Il programma infatti si integra perfettamente con i servizi Google, come YouTube, Foto, Ricerca ed il browser Chrome. Questa interconnessione tra le "GApps" permette di avere delle anteprime dei contenuti ricche di informazioni e di riprodurre i media senza cambiare applicazione.
Queste features vanno a colmare proprio la mancanza che molte app di questo tipo hanno: ossia il fatto di non essere integrate con altri servizi.
Un ulteriore vantaggio che Google ha inserito è la possibilità di ricercare nei contenuti condivisi all'interno del gruppo di chat. Le ricerche avverranno tramite parole chiave e restituiranno sia link che immagini correlate.
L'interfaccia utente risulta essere molto gradevole ed efficace. La creazione di un nuovo "spazio" avverrà tramite un solo tap. Dopodiché si potrà invitare chiunque attraverso la casella posta nella parte bassa dell'applicazione. La partecipazione può essere inviata tramite messaggio, social network ed e-mail.
Come si può ben notare questi cosiddetti spazi sono molto simili alle "cerchie" già presenti su Google+ e la somiglianza tra i due prodotti risulta essere alquanto strana.
L'applicazione è in fase di rilascio in queste ore su iOS ed Android ed è disponibile su PC, previo possesso di un account Gmail.

Quanto è interessante?
0
Google ci riprova con i social network: ecco Spaces, la chat di gruppo per interessi specifici